rotate-mobile
Cronaca Leuca / Viale Otranto

“Decurtazione ferie, doppi turni e retribuzioni”: incrociano le braccia i lavoratori della mensa della questura

Alcuni dipendenti della Ladisa srl, affiancati dai sindacalisti di Ugl, si sono dati appuntamento nella mattinata di oggi in viale Otranto: hanno protestato contro alcune, presunte criticità contestate all’azienda

LECCE – Incrociano le braccia e protestano davanti alla questura di Lecce. Hanno proclamato lo sciopero per l'intera giornata i dipendenti della mensa a degli uffici di viale Otranto. Un sit-in è stato organizzato nella mattinata di oggi da parte di una piccola delegazione di lavoratori e dei sindacalisti di Ugl, sospendendo il doppio turno giornaliero del servizio mensa.

Dopo le richieste di confronto che, a detta dell’organizzazione sindacale, sarebbero state inoltrate alla società che gestisce la ristorazione all’interno della questura, la Ladisa spa, si è così passati alla protesta. A far storcere il naso a Ugl e ai lavoratori  sarebbero alcune, presunte criticità legate “all’appalto, alla retribuzione, alle ore lavorate e non retribuite, decurtazione di ferie non retribuite e turni di lavoro”.

Questi alcuni degli aspetti che i dipendenti intendono sollevare e contestare alla direzione societaria, affiancati dal segretario provinciale del sindacato, Maurizio Lezzi. “Nonostante un incontro, nel quale la società si impegnava a valutare le nostre proposte, a oggi è rimasto tutto invariato”, scrive in una nota Lezzi il quale, decorsi i termini per la procedura di raffreddamento, ha comunicato l’astensione dal servizio da parte dei lavoratori peri i turni di oggi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Decurtazione ferie, doppi turni e retribuzioni”: incrociano le braccia i lavoratori della mensa della questura

LeccePrima è in caricamento