Scirocco e corrente insidiosa: soccorso in successione ai bagnanti

A Torre Lapillo, nel pomeriggio, quattro provvidenziali interventi di recupero: protagonisti il personale con idromoto del 118, i vigili del fuoco del presidio di Porto Cesareo e la guardia costiera

Idromoto del 118 in servizio a Torre Lapillo.

TORRE LAPILLO (Porto Cesareo) - Una serie di interventi di soccorso a bagnanti in difficoltà ha movimentato l'ultimo sabato di agosto, sul litorale di Torre Lapillo, frequentatissima frazione di Porto Cesareo, nel tratto tra la storica torre, il Lido Max e il Lido Leucasia.

Il vento dai quadranti meridionali ha indirizzato la corrente verso il largo, trasformando le acque solitamente placide e cristalline in una trappola soprattutto per coloro che non conoscono le insidie dello scirocco e della risacca delle onde.

Così, nel pomeriggio sono state portatie a termine con successo quattro operazioni di recupero di bagnanti che non riuscivano più a ritornare verso la battigia. Due sono state realizzate dal personale del 118 dotato di idromoto, un' altra dai vigili del fuoco del presidio di Porto Cesareo mentre una quarta è stata frutto di una iniziativa congiunta con la guardia costiera. In un caso, il primo, si è reso necessario il trasporto in pronto soccorso per le cure del caso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • La lite degenera: spunta pistola a salve, investito con violenza con l’auto

  • Favori in cambio di sesso, viagra e battute di caccia, chiesti 12 anni e mezzo per l’ex pm

  • Freddato a 22 anni con un colpo di pistola alla testa, inflitti due ergastoli

  • Ubriaca alla guida colpisce auto, poi si ribalta: illesa una 21enne

  • Da Martano originale campagna per uso della mascherina. Il sindaco: “Monito ai negazionisti”

Torna su
LeccePrima è in caricamento