"Sono Ginetto, i 60 euro di anticipo come da accordi". Occhio alla truffa

Un uomo segnalato ieri in via Leuca. Ha tentato di spillare soldi alla commessa di un forno, presentandosi come rappresentante di un'agenzia pubblicitaria e dicendole che aveva già parlato con il titolare. Lei non ha abboccato e lui è fuggito prima dell'arrivo della polizia

LECCE – Occhio ai truffatori porta a porta che vanno a bussare principalmente ai negozi. “Buonasera, sono qui per cambiare il logo dell’insegna, mi ha autorizzato il titolare”. Così si è presentato un uomo piuttosto alto, vestito con un giubbotto nero di pelle e con i capelli brizzolati ieri pomeriggio al “Forno di Nonno Felice” di via Leuca. Cercando di far passare per buona quella che era un’evidente truffa.

“Mi dovrebbe dare un anticipo di 60 euro”, ha detto l’uomo a una commessa, infatti, cercando di spillarle soldi facili dalla cassa. Non deve però essere stato molto convincente nella sua immedesimazione e dato che di raggiri di questo tipo ne sono avvenuti parecchi in città, negli ultimi anni, la ragazza ha pensato bene di chiamare il titolare per avere conferma. Quest'ultimo, ovviamente, non era a conoscenza di nulla.

Neanche il tempo di chiudere la telefonata, che “Ginetto” (con questo nome si è presentato) era già uscito, inghiottito dal buio della sera, sparito dalla circolazione. Sul posto è intervenuta poco dopo, si richiesta, una volante di polizia. Gli agenti hanno ascoltato i fatti e invitato il proprietario del forno a sporgere denuncia. 

I commercianti, allora, facciano molta attenzione a tale “Ginetto” (ma ovviamente nulla vieta che possa nel frattempo cambiare nome), persona che si presenta come titolare di un’agenzia pubblicitaria e che sostiene di aver già “parlato con il titolare”. E’ solo un modo per fare bottino secondo un cliché consolidato.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Molti ricorderanno come nel 2013 la città fosse tempestata di segnalazioni. Era sempre lo stesso individuo, che di volta in volta cambiava copione, ora rappresentante di tale ditta che vendeva cera, ora di un’associazione sportiva per una sponsorizzazione. Identificato dopo una serie di situazioni analoghe in tutta la provincia, alla fine l’uomo ha patteggiato. Che vi sia ora in circolazione un suo emulo?    

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento