menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio.

Immagine di repertorio.

Sorpreso a cacciare in un'area vietata, denuncia e sequestro del fucile

Un 43enne è stato individuato dai carabineri forestali in una “zona di ripopolamento e cattura” del comune di Nardò

LECCE – Lo hanno sorpreso a cacciare all’interno di una “zona di ripopolamento e cattura” del comune di Nardò. Ad attirare sul posto (in località Canisi) una pattuglia dei carabinieri forestali di Gallipoli, impegnati nel consueto servizio di controllo dell’attività venatoria, numerosi colpi di arma da fuoco esplosi nell’area protetta, in cui la caccia è vietata dalla legge.

I militari si sono recati in zona e hanno localizzato, all’interno di un uliveto, il cacciatore: A.M., 43enne di Copertino. Il 43enne, oltre ad avere il fucile carico, aveva appena abbattuto due esemplari di tordo bottaccio. L’uomo è stato quindi identificato e denunciato all’autorità giudiziaria per violazione della normativa sull’attività venatoria. I carabinieri hanno sequestrato il fucile utilizzato, le munizioni e le fauna abbattuta.

L'avvocato Giovanni Ciccarese, nominato dall'uomo, intende però precisare che "la zona non era tabellata e quindi il cacciatore si è trovato suo malgrado per pochi metri nella zona di divieto". Ragion per cui "saranno promossi gli atti opportuni per ottenere dal pubblico ministero una pronta archiviazione". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento