Sorpreso di notte a dormire ubriaco in un'auto rubata, nei guai un 50enne

L'uomo è stato denunciato per ricettazione e guida in stato d'ebbrezza. A Giuggianello un 30enne ha tentato la fuga abbandonando un Ciao

LECCE – Guidava nell’aria frizzante di una notte d’estate capricciosa a bordo di un’auto, una Citroen berlingo. Peccato, però, che la macchina in questione fosse stata rubata poche ore prima tra le vie di Bagnolo del Salento. L’uomo, un 50enne originario di Gallipoli ma residente a Bagnolo, è anche finito tra le braccia dei carabinieri del Norm della compagnia di Maglie, e per lui sono iniziati i guai.

Il 50enne, infatti, è stato sorpreso a dormire all’interno dell’autovettura, ed è stato denunciato all’autorità giudiziaria per ricettazione, guida sotto l'influenza dell'alcool e rifiuto di sottoporsi ai previsti accertamenti. La notte brava dell’uomo si è conclusa in caserma, mentre il veicolo è stato recuperato e restituito al proprietario.

A Giuggianello, invece, i carabinieri della stazione di Muro Leccese hanno sorpreso un 30enne originario del Ghana, A.S., alla guida di un vecchio ciclomotore Ciao della Piaggio, sprovvisto di targa. Dopo aver fermato e parcheggiato il veicolo, ha tentato una precipitosa fuga a piedi per le campagne circostanti, ma è stato tempestivamente inseguito e fermato da un appuntato dei carabinieri.

Il 30enne è stato sanzionato per guida con veicolo sprovvisto di assicurazione, circolazione con veicolo sprovvisto di targa, mancanza della carta di circolazione e guida senza patente.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

Torna su
LeccePrima è in caricamento