rotate-mobile
Cronaca

Sorpreso nel bel mezzo di un furto e arrestato, patteggia e ottiene i domiciliari

Ha patteggiato una condanna a diciotto mesi di reclusione Pierluigi Manisco, 46enne leccese, arrestato sabato scorso dagli agenti della sezione volanti della polizia durante un furto in appartamento. All’esito del giudizio per direttissima il 46enne, accusato di furto aggravato

LECCE – Ha patteggiato una condanna a diciotto mesi di reclusione Pierluigi Manisco, 46enne leccese, arrestato sabato scorso dagli agenti della sezione volanti della polizia durante un furto in appartamento. All’esito del giudizio per direttissima il 46enne, accusato di furto aggravato, ha lasciato il carcere e ottenuto gli arresti domiciliari (con l’uso del braccialetto elettronico).

Era stata una vicina di casa dell’appartamento preso di mira da Manisco ad allertare la polizia, che poco dopo le 19 aveva raggiunto lo stabile in viale della Libertà. I poliziotti sono saliti con fare silenzioso e cauto al terzo piano, dove la donna aveva segnalato quei rumori sospetti. E, aperta la porta dell’appartamento, si sono ritrovati faccia a faccia con il ladro. Quest’ultimo, dopo essersi introdotto nell'abitazione passando da un finestrone adiacente al terrazzo, forse sapendo dell’assenza dei proprietari, si era impossessato di alcuni oggetti.

Alla vista degli agenti, è rimasto esterrefatto e, senza opporre alcuna resistenza, è stato condotto presso gli uffici della questura, per le operazioni di identificazione e il successivo arresto in flagranza di reato. Si tratta di, già noto alle forze dell’ordine per episodi identici. Manisco è assistito dall’avvocato Roberto Rella.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sorpreso nel bel mezzo di un furto e arrestato, patteggia e ottiene i domiciliari

LeccePrima è in caricamento