Venerdì, 17 Settembre 2021
Cronaca Gallipoli

Spaccano il vetro dello stadio, diffidati due ultrà

Gallipoli: due 30enni, dopo il gol non assegnanto a Morello nel finale di Gallipoli-Pistoiese, presero a calci il vetro che cinge la curva. Per loro è scattato il Daspo di 3 anni con obbligo di firma

Ancora diffide nei confronti di tifosi salentini. Solo alcuni giorni fa, quelle comminate a due ultrà casaranesi a seguito di alcuni episodi che si sono verificati in occasione della gara in trasferta di Coppa Italia d'Eccellenza a Muro Leccese. Ora, divieto d'accesso agli stadi imposto anche per due gallipolini. I fatti sono molto recenti, in quest'ultimo caso, e riguardano la gara di campionato, valevole per il campionato di serie C1, del 23 settembre scorso fra la squadra di casa e la Pistoiese, terminata in parità, 1 a 1. Il tutto, nel convulso finale, quano al "Gallo" venne concessa la possibilità di passare in vantaggio con un calcio di rigore. Dal dischetto si presentò Morello, proprio sotto la curva degli ultras del Gallipoli, che si fece respingere il tiro dal portiere toscano Mareggini. Il giocatore giallorosso non si diede per vinto, si avventò di nuovo sulla sfera e depositò in rere, per poi piombare nella disperazione quando l'arbitro, fra lo sconcerto generale, annullò il gol per un fallo di mani che la moviola avrebbe in seguito dimostrato inesistente.

Insomma, il disappunto dei tifosi fu quanto mai giustificato, ma la rabbia che colse due di loro, entrambi 30enni, G.F., già noto per alcuni precedenti penali, e B.A., già diffidato nel 1996, è stata ritenuta eccessiva nei modi da parte delle forze di polizia. Secondo quando accertato, i due 30enne iniziarono a sferrare violenti calci contro il vetro antisfondamento della recinzione che serapa la curva dal terreno di gioco, finendo per infrangerlo provocando una fitta ragnatela. E se non cedette, è solo perché, appunto, antisfondamento.


Nei giorni successivi rispetto a quel fatto, i due tifosi sono stati identificati e condotti in commissariato. Accusati di danneggiamento aggravato, per loro la polizia ha richiesto la misura del Daspo. Il provvedimento è stato convalidato dal Gip del Tribunale di Lecce Vincenzo Scardia. I due tifosi non potranno quindi accedere ad alcuna manifestazione sportiva per i prossimi tre anni e dovranno recarsi presso il commissariato di Gallipoli per rilasciare la propria firma su un registro immediatamente prima dell'inizio di ogni incontro di calcio e tra il primo e secondo tempo per i prossimi due anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spaccano il vetro dello stadio, diffidati due ultrà

LeccePrima è in caricamento