menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Droga e soldi, presi in quattro di notte: due tentano la fuga dai tetti

A Nardò retata dei carabinieri in un'abitazione. Uno degli arrestati non è nemmeno maggiorenne. Avevano cocaina, marijuana e hashish. E oltre 2mila e 500 euro. Erano tenuti d'occhio da diverso tempo

NARDO’ – Dopo il lockdown lo sblockdown che qualcuno deve aver preso, però, con eccessiva disinvoltura. Per la verità, i quattro protagonisti della vicenda erano già seguiti da qualche tempo dai carabinieri della stazione di Nardò. Ma, proprio nel corso della nottata, a 24 ore dalla parziale riapertura del Paese, sono passati all’azione.

Fase 2 con fughe spericolate sui tetti e arresti, insomma. E con accuse di detenzione ai fini di spaccio in concorso: marijuana, hashish e cocaina, nemmeno poca, le sostanze che i militari, comandati dal luogotenente Vito De Giorgi, hanno sequestrato a carico di un giovane non ancora 18enne e di altri tre: Marco Alemanno, 25enne, Ilario Toma, 30enne e Giulia Martina, 20enne. Tutti neretini.

Come detto, i carabinieri della stazione di Nardò stavano già tenendo d’occhio i movimenti dei ragazzi da qualche tempo. E ieri sera erano appostasti nelle vicinanze, silenziosamente nascosti nel buio nei pressi di casa di uno dei quattro, per studiare le loro mosse. A un certo punto, poco alla volta, li hanno visti arrivare alla spicciolata e poi entrare. Uno alla volta. Dopo l’ultimo ingresso è scattata la retata. All’atto dell’irruzione, due giovani hanno anche tentato la fuga disperata dalle tettoie dell’abitazione per raggiugere quelle vicine, ma sono acciuffati prima che riuscissero a dileguarsi.

Una volta ricomposto il gruppetto, ormai impossibilitato a scappare, si è passati alle perquisizioni. E, dentro una borsa, i carabinieri hanno trovato sei dosi di cocaina già confezionate per 3 grammi, un involucro, sempre con cocaina, e questa volta per 26 grammi e, ancora, due altri pacchetti con, rispettivamente, 57 grammi di marijuana e 43 di hashish. Non solo. Nella borsa c’erano anche soldi, una sommetta niente male: 2mila e 530 euro. Le banconote sono state sequestrate poiché ritenute dai militari probabile provento di spaccio. Tutti e quattro i giovani sono stati dichiarati in arresto. I maggiorenni, destinati ai domiciliari. Il 17enne, in centro di prima accoglienza per minori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Stanchezza in primavera, ecco perché

  • Sicurezza

    Come utilizzare l’aceto per le pulizie di casa

  • Cucina

    Melanzane marinate all’aceto, fresche e veloci

Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento