rotate-mobile
Cronaca Casarano

Spaccio di droga, furti e violenze sulle donne: fioccano le denunce nel Leccese

Controlli a tappeto dei carabinieri. Ai domiciliari è finito un 27enne di Casarano che in casa custodiva 22,6 grammi di cocaina e 63, 4 grammi di marijuana. Individuato anche l’autore dei furti sulle spiagge di Ugento

UGENTO - E’ finito ai domiciliari per detenzione ai fini spaccio di sostanze stupefacenti, un 27enne di Casarano, G.F. le iniziali del suo nome (che non è stato fornito dalle autorità competenti, ndr).

In casa del giovane, sono piombati i carabinieri del Nor- sezione operativa che hanno trovato 22,6 grammi di cocaina e 63, 4 grammi di marijuana, finiti sotto sequestro insieme a un bilancino di precisione e diverso materiale ritenuto utile al confezionamento delle dosi.

A Matino, sempre nell’ambito dei servizi di controllo del territorio svolti dal personale dell’Arma della compagnia di Casarano, i militari della stazione locale hanno segnalato alla Prefettura di Lecce dieci giovani per “uso non terapeutico di sostanze stupefacenti”.

A Ugento, invece, in quattro, tutti del posto, sono stati deferiti in stato di libertà per aver violato i domiciliari: A. M., di 22 anni, C.C., di 38, S.M., di 29, A.P., di 43. Quest’ultimo, in particolare, avrebbe ricevuto in più occasioni la visita in casa di persone pregiudicate ed è stato inoltre trovato in possesso di un grammo di cocaina.

La denuncia, nelle scorse ore, è scattata anche nei riguardi di E.N., 24enne di Castrignano dei Greci, ma perché avrebbe effettuato acquisti on-line per un valore di circa tremila euro, utilizzando i codici di carte di credito altrui, e per B.F., un 63enne romano, accusato di non aver provveduto a consegnare al cliente il telefono Iphone 12 acquistato tramite bonifico.

Le indagini dei carabinieri sarebbero riuscite inoltre a risalire all’artefice dei furti di zaini e portafogli avvenuti ai danni dei turisti sulle spiagge del litorale ugentino. Si tratta di C.C., un 38enne residente nella marina di Torre San Giovanni. Parte della refurtiva è stata ritrovata e restituita ai malcapitati.

Sono stati individuati e denunciati anche i due individui, F.R., 27 anni, e L.B. , 40, entrambi di Ruffano, considerati responsabili del furto di una batteria per autoveicoli messo a segno nell’esercizio commerciale “Brigos” di Matino, sulla provinciale Parabita-Casarano e che adesso è ritornata nelle mani del proprietario.

Dovrà invece rispondere di minacce, S.S., un 37enne residente a Torre San Marina di Ugento, che custodiva in casa una cartuccia calibro 7,62 (trovata dai militari durante la perquisizione) con la quale avrebbe minacciato una persona con la quale aveva litigato per futili motivi.

Sono fioccate, infine, le denunce nei riguardi di uomini violenti: S.R., 27enne ugentino, è accusato di aver tormentato, con minacce e offese su Instagram una concittadina, arrivando a danneggiarle l’auto e F.M., 39, di Minervino di Lecce, C.M., 80, e S.Z., 52, entrambi residenti a Gemini (frazione di Ugento), D.D., 39, di Presicce Acquarica; F.C., 49, di Ugento, perché avrebbero vessato e minacciato in più occasioni le rispettive compagne.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spaccio di droga, furti e violenze sulle donne: fioccano le denunce nel Leccese

LeccePrima è in caricamento