Spaccio in città, bloccati dalla squadra mobile con cocaina e marijuana

I movimento di un 19enne e di un 46enne erano tenuti d'occhio da diversi giorni dalla sezione antidroga. Ieri mattina fermati in auto. Dopo, perquisizione in casa

LECCE – Sono finiti entrambi in carcere con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso. I movimenti di Alessandro Paolino, 19enne, e Nestor Oscar Quarta, 46enne, erano tenuti d’occhio da diversi giorni. Fin quando ieri non è scattato il controllo della Sezione antidroga della squadra mobile. I due leccesi, già noti, sono stati bloccati mentre si trovavano a bordo di una Hyundai iX20.

Tenuti d'occhio da tempo

Già sotto osservazione da alcuni giorni, al momento dell’alt hanno subito mostrato segni di nervosismo. Le perquisizioni hanno permesso di rinvenire addosso a uno dei due tre dosi di cocaina e una di  marijuana, per circa 2 grammi. Inoltre, in uno zainetto di tela c’era un involucro trasparente contenente circa 5 grammi di mannite, un bilancino di precisione funzionante e altro materiale  per taglio e confezionamento dello stupefacente.    

In casa il resto della droga

La perquisizione non si è conclusa lì. E’ stata estesa all’attuale domicilio dei due, dove i poliziotti hanno trovato altri 25 grammi di cocaina e 3 di marijuana, ulteriori due bilancini di precisione, ancora sostanza da taglio e altro materiale. Più 965 euro in banconote, probabile provento dell’attività di spaccio. E per entrambi si sono aperte le porte della casa circondariale di Borgo San Nicola.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quarta, in particolare, era stato già arrestato nell'aprile scorso e scarcerato dopo l'udienza di convalida, durante la quale aveva riferito al giudice che la sostanza (in quel caso marijuana) era per uso personale e che la cessione documentata nell'occasione dai carabinieri era stato un caso eccezionale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento