menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sparatoria nella piazza di Cavallino, condanna a tre anni per un 32enne

L'episodio di sangue nella notte tra il 22 e il 23 giugno scorso, in cui rimase ferito un 29enne che si trovava nella propria autovettura

LECCE – Tre anni di reclusione è la pena inflitta dal gup Giovanni Gallo nel giudizio abbreviato a carico di Ivan Franco, il 32enne di Cavallino accusato di lesioni gravi e porto e detenzione illecita di armi per il ferimento, avvenuto nella notte tra il 22 e il 23 giugno scorso nei pressi della piazza centrale di Cavallino, di un 29enne che si trovava all’interno della propria autovettura. Franco, assistito dall'avvocato Riccardo Giannuzzi, ha sempre spiegato di aver agito per motivi personali ma di non aver avuto alcuna intenzione di ferire la vittima. Il 32enne avrebbe, a suo dire, mirato alla carrozzeria e sparato due colpi per spaventare il 29enne. Uno dei proiettili, dopo aver trapassato la portiera anteriore sinistra della vettura, si è frantumato in più parti. Alcune schegge si sono conficcate nel polpaccio sinistro della vittima. Franco ha spiegato al giudice di non essersi accorto di aver ferito il suo "rivale", che ha poi raggiunto l’ospedale “Vito Fazzi”.

I sospetti si sono subito concentrati su Franco grazie alla perfetta sinergia tra polizia e carabinieri. Gli uomini della Squadra mobile, guidati da Alberto Somma, e i carabinieri della compagnia di Lecce e della stazione di Cavallino, guidati dall'esperienza e la profonda conoscenza del territorio del luogotenente Riccardo De Bellis, hanno stretto il cerchio attorno al 32enne, che si è reso irreperibile (perché spaventato aveva spiegato al giudice). All’origine del ferimento, secondo quanto ipotizzato dagli inquirenti, vi sarebbe la gelosia. I due si trovavano all'interno di un bar la sera del ferimento.

L’attività investigativa si è sviluppata con sopralluoghi, pedinamenti e attività di osservazione. Per alcuni giorni gli investigatori hanno sondato in tutti i luoghi solitamente frequentati dal giovane che, sentendosi braccato, decise di presentarsi presso la caserma dei carabinieri di Cavallino.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento