rotate-mobile
Cronaca Litorale

Sparatoria al mare. Cerca di raggiungere con un amico l’ospedale, gravemente ferito

Il grave fatto di cronaca nella serata di oggi a Torre Chianca, la marina di Lecce. Un 44enne, raggiunto alle porte della città dagli operatori del 118, è ora ricoverato al “Vito Fazzi”

TORRE CHIANCA (Lecce) – Pomeriggio nero sul litorale leccese. Dopo gli incendi che hanno funestato San Cataldo, una sparatoria nella vicina Torre Chianca: gambizzato un uono di 44 anni. Il grave episodio si è verificato all'ora del tramonto di oggi, sembrerebbe all'ingresso della frazione adriatica. Alessandro Cosma, trepuzzino, sarebbe stata raggiunto da almeno un paio di colpi di pistola all’altezza dell'arto inferiore.

Il 44enne - stando ai pochi elementi al momento a disposizione - sarebbe poi montato a bordo di un furgoncino Fiat Doblò per recarsi autonomamente in ospedale, accompagnato da un conoscente. In prossimità di un noto impianto sportivo alle porte di Lecce, in via Adriatica, il conducente avrebbe però arrestato la marcia del veicolo davanti ai dolori dell'amico provocati dalle lesioni e vista la copiosa perdita emorragica in corso.

Ed è qui che gli operatori del 118 hanno raggiunto il ferito per prestargli le prime medicazioni e per accompagnarlo al pronto soccorso dell’ospedale “Vito Fazzi”, dove è attualmente ricoverato. Giunto in "codice rosso", le lesioni si sono confermate di particolare entità. Tanto che il 44enne è stato ricoverato per essere tenuto sotto monitoraggio da parte del personale medico anche nelle prossime ore. Incerta dunque la prognosi.

PHOTO-2023-07-25-22-06-33

Sono stati subito attivati gli agenti della sezione volanti, a seguito della telefonata alla sala operativa del 113. Le indagini saranno coordinate dalla squadra mobile della questura leccese. Il luogo, intanto, è stato anche raggiunto dai poliziotti della Scientifica per eseguire i rilievi sulle tracce ematiche e su altri elementi riconducibili al fatto di cronaca.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sparatoria al mare. Cerca di raggiungere con un amico l’ospedale, gravemente ferito

LeccePrima è in caricamento