Sabato, 20 Luglio 2024
Cronaca Casarano

Spari in casa e maltrattamenti, l'arrestato ottiene i domiciliari in una comunità

Ha lasciato il carcere di "Borgo San Nicola", dove era recluso dallo scorso 8 aprile, il 53enne di Casarano accusato di aver intimidito e minacciato di morte dalla donna con cui aveva avuto una relazione

CASARANO - Ha ottenuto i domiciliari col braccialetto elettronico in una comunità religiosa, il 53enne di Casarano finito in carcere l’8 aprile scorso per maltrattamenti ai danni della donna con cui aveva interrotto da poco la relazione. Lo ha deciso nei giorni scorsi, il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Lecce Marcello Rizzo che ha così accolto l’istanza avanzata dall’avvocato difensore Attilio De Marco.

Secondo la denuncia della ex convivente, l’uomo avrebbe esploso colpi d’arma da fuoco tra le mura domestiche per intimidirla e per imporle di essere “la sua donna”, arrivando anche a puntarle una pistola alla fronte.

Al momento della perquisizione in casa, i carabinieri non trovarono nessun pistola, ma riscontrarono la presenza di diversi fori, sulla finestra, sulle mattonelle sotto lo specchio del bagno, e sull’armadio. In sede di interrogatorio, l’indagato ammise di aver sparato, spinto dalla disperazione di essere stato lasciato, ma solo in assenza della convivente e soltanto contro la sua stessa immagine riflessa.

L’episodio che determinò l’arresto in flagranza si verificò nel bel mezzo della notte, quando il 53enne avrebbe cercato di sfondare la porta di ingresso dell’abitazione in cui si era trasferita la malcapitata dopo la separazione e l’avrebbe ricoperta di insulti, per poi pedinarla, il mattino seguente, mentre in bicicletta si recava in caserma a sporgere denuncia.

Stando a quanto riferito dagli stessi carabinieri che accolsero la donna, l’uomo avrebbe proseguito a minacciarla di morte anche in loro presenza.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spari in casa e maltrattamenti, l'arrestato ottiene i domiciliari in una comunità
LeccePrima è in caricamento