Sparò in pieno giorno al fidanzato della figlia: condannato a due anni e 8 mesi

E’ caduta l’accusa di tentato omicidio nei riguardi di Marco Cordella, 43 anni di Copertino, per l’aggressione a colpi d’arma da fuoco di un 28enne. Determinante la perizia sull’arma.

COPERTINO - Da tentato omicidio a lesioni aggravate dall’uso dell’arma. Cambia il reato e l’effetto è di una condanna più mite, a due anni e 8 mesi, più 4mila euro di multa, nei riguardi di Marco Cordella, il 43enne di Copertino che il 26 aprile di un anno fa sparò due colpi d’arma da fuoco contro il fidanzato della figlia, ferendolo alla scapola e a una coscia.

Determinante a cambiare l’accusa nel processo discusso col rito abbreviato è stata la perizia sulla pistola disposta dal giudice Sergio Tosi. “Non era idonea a provocare lesioni mortali”, le conclusioni cui era giunto l’esperto Riccardo Ramirez e che hanno inevitabilmente spostato l’ago della bilancia. Tant’è che la stessa Procura oggi ha modificato la richiesta formulata prima degli accertamenti balistici: da nove anni di reclusione a quattro.

Cordella_Marco_27021975_Copertino-3Dopo l’arresto, Cordella raccontò al gip Simona Panzera che la sua intenzione era solo quella di voler spaventare il ragazzo, ammettendo di aver modificato lui stesso l’arma usata per colpirlo. Ed è con quella che aprì il fuoco, poco prima delle 8 del mattino, in via Vittorio Emanuele III, dove il malcapitato aveva appena accompagnato la fidanzata al lavoro; si rese irreperibile per cinque giorni, poi si consegnò ai carabinieri della tenenza di Copertino, accompagnato dal suo legale Laura Alemanno (che lo avrebbe poi difeso nel processo con il collega Luigi Rella).

La vittima che riportò ferite lievi, alla scapola e alla coscia (la prognosi dei medici fu di dieci giorni), era parte civile (con l’avvocato Paolo Spalluto) e dovrà essere risarcita immediatamente con 5mila euro, mentre il resto del risarcimento sarà quantificato e liquidato in separata sede

Cordella è tornato in carcere lo scorso marzo per aver evaso i domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tentato omicidio in una masseria: colpito alla bocca un operaio 27enne

  • Travolge grosso cane che attraversa la via e finisce su un muro: grave 21enne

  • Breve temporale, ma il fulmine si abbatte sulla casa: impianto elettrico fuori uso

  • Eroina, cocaina e marijuana: tre arresti, segnalati i due acquirenti

  • Quell'auto sospetta agganciata più volte. Ed è una sfida ad alta velocità

  • Salento in lutto per la perdita di Luigi Russo, protagonista di lotte per ambiente e diritti

Torna su
LeccePrima è in caricamento