Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca Specchia

Supermercati emettevano gli scontrini, ma non dichiaravano i ricavi

Quasi 3 milioni di euro la cifra che non sarebbe stata dichiarata al fisco per il 2012 da una società in nome collettivo con sede legale a Specchia che gestisce in zona un paio di punti vendita. La scoperta fatta dalla guardia di finanza della tenenza di Tricase. Evasa Iva per 282mila euro

SPECCHIA – Supera i 2 milioni e 700mila euro l’introito che una società in nome collettivo con sede legale a Specchia e che gestisce due supermercati nella zona avrebbe nascosto al fisco.

La scoperta è stata fatta dai militari della guardia di finanza di Tricase, al termine di un’approfondita verifica fiscale. Contestualmente all’omissione della dichiarazione dei ricavi è stata contestata un’evasione di Iva per circa 282mila euro.

L’importo riguarda un intero anno, il 2012, ragion per cui la società che gestisce i punti vendita rientra fra le aziende che assumono la veste di “evasore totale”. Come già scoperto qualche giorno addietro a Lecce, in quel caso per la titolare di due negozi di abbigliamento, anche in questo le “fiamme gialle” hanno accertato che gli scontrini venivano emessi, in modo da fornire ad occhi esterni una parvenza di regolarità.

E’ stata una incisiva attività di ricerca a portare gli investigatori sulle tracce della società, il cui profilo fiscale, già ai primi controlli, aveva fatto emergere alcune criticità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Supermercati emettevano gli scontrini, ma non dichiaravano i ricavi

LeccePrima è in caricamento