menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio.

Immagine di repertorio.

"Spiagge sicure" nel Salento, bloccato ambulante con 15 euro di merce

Tre i comuni della provincia di Lecce che hanno aderito al programma del ministero dell’Interno, che ha stanziato 2 milioni e 500 mila euro

LECCE – Il varo del piano del Viminale denominato “Spiagge sicure-estate 2018” ha sortito i primi effetti anche nel Salento. Sono tre, infatti, i comuni della provincia di Lecce che hanno aderito al programma del ministero dell’Interno, che ha stanziato 2 milioni e 500 mila euro (provenienti dal Fondo unico di giustizia) a favore di 54 comuni costieri a vocazione turistica (di cui 16 al Sud) che hanno presentato progetti idonei per il piano per contrastare l’abusivismo commerciale e per realizzare campagne di sensibilizzazione da predisporre tra l’1 agosto e il 15 settembre. Si tratta di Gallipoli, Otranto e Ugento.

Proprio in quest’ultimo comune il piano sicurezza ha dato i suoi primi sperati frutti. Un venditore ambulante senegalese di 27 anni è stato bloccato da quattro agenti (due della municipale e due della polizia) all’ingresso di un lido con 16 fasce per capelli. La merce, che immessa sul mercato avrebbe fruttato una quindicina di euro, è stata sottoposta a sequestro. Al 27enne è stato notificato un verbale amministrativo, rischia una sanzione tra i 516 e i 25mila e 823 euro, ma può essere definita entro 60 giorni con il pagamento “ridotto” di mille e 32 euro.  I controlli proseguiranno nei prossimi giorni, per accertare e scongiurare l'eventuale presenza di venditori ambulanti sull'arenile.

Il Piano è stato illustrato lo scorso 6 luglio dal ministro dell’Interno Matteo Salvini. I progetti riguardano principalmente l’assunzione a tempo determinato di personale della polizia locale, il pagamento degli straordinari, l’acquisto di mezzi e attrezzature da fornire al personale dei comuni per il contrasto all’abusivismo commerciale e la realizzazione di campagne di sensibilizzazione. I requisiti indicati prevedevano che ad accedere ai fondi fossero i comuni costieri a vocazione turistica, non capoluogo di provincia, con una popolazione non superiore a 50mila abitanti e con un indicatore di affollamento nelle strutture ricettive non inferiore a 500mila presenze annue, secondo i dati Istat. In 72 rispondevano a queste caratteristiche e di questi solo 61 avrebbero potuto accedere ai fondi tenuto conto del vincolo che prevedeva potessero essere finanziati non più di tre comuni per provincia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento