Cronaca

Spiaggiabella: disinnesco bomba, stop al traffico

Interdetto a persone e mezzi l'accesso nell'area di recupero dell'ordigno e in quella dove sarà fatto brillare, per un raggio di 300 metri. Martedì mattina si procederà alle operazioni di recupero

Il sindaco di Lecce Paolo Perrone ha emesso nei giorni scorsi una ordinanza in merito alla "messa in sicurezza dei siti interessati dalla rimozione e dalla detonazione di un ordigno bellico rinvenuto in località Spiaggiabella". Il provvedimento stabilisce di fatto l'interdizione a persone e mezzi dell'accesso sia nell'area di recupero dell'ordigno, sia in quella dove sarà fatto brillare. Le aree interessate sono quelle che sorgono nel raggio di 300 metri dal punto della battigia prospiciente il Bacino Idume a Spiaggiabella (per ciò che attiene al recupero) e l'area delle cave di proprietà della società Fices a Villaconvento (per quanto riguarda la fase del brillamento).

Martedì 16 settembre (a partire dalle 8 del mattino) saranno avviate tutte le operazioni previste a cui parteciperanno gli artificieri del 11° Reggimento Genio Guastatori dell'Esercito Italiano, la Marina Militare, i Vigili del Fuoco, i Carabinieri, la Guardia di Finanza, la capitaneria di Porto, la Polizia di Stato, la Polizia Municipale, la Croce Rossa Italiana e la Protezione Civile del Comune di Lecce. I siti interessati saranno evacuati e messi in sicurezza per un raggio di 300 metri a partire dall'inizio delle operazioni. Inoltre, durante il passaggio del convoglio che trasporta l'ordigno potrebbero verificarsi temporanei disagi alla circolazione, dovuti alle staffette che precederanno la colonna di automobili e il camion adibito al trasporto della bomba che dovrà procedere ad una velocità moderata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spiaggiabella: disinnesco bomba, stop al traffico

LeccePrima è in caricamento