Cronaca

Colpo di pistola in aria, poi botte con mazza da baseball nel campo Panareo

La vittima è un giovane di Squinzano, Angelo Napoletano, fratello del più noto Roberto, indagato per estorsione, che si trovava ieri pomeriggio nel campo dove sostano i rom, nel nord Salento. Ne avrà per 25 giorni. E' caccia a due individui, che l'hanno colpito con violenza per motivi poco chiari

Controlli della polizia a Panareo (repertorio).

LECCE – Una vera e propria scena da Far West, quella avvenuta ieri pomeriggio, per un’indagine ancora aperta. Gli investigatori della squadra mobile di Lecce, diretti dal vicequestore aggiunto Sabrina Manzone, stanno cercando di ricomporre il mosaico di una singolare aggressione, avvolta da un alone di mistero, avvenuta all’interno del campo sosta “Panareo”, sulla litoranea a nord di Lecce.

Il fatto è ancor più particolare perché la vittima non è un abituale residente, ma un giovane di Squinzano, Angelo Napoletano, che per motivi non chiari, probabilmente di carattere personale, era presente ieri nel campo. L’aspetto balzato subito agli occhi della polizia (senza che vi sia necessariamente un nesso) è che l'uomo è il fratello di Roberto Napoletano, il 27enne di recente prima arrestato dai carabinieri e poi comunque scarcerato dai giudici del riesame. Come ampiamente noto, è ritenuto dai militari della compagnia di Campi Salentina l’autore di un tentativo di estorsione ai danni del noto locale Livello 11/8 di Trepuzzi.

Proprio nell’abitazione di quest’ultimo, fra gli altri, si sono recati gli investigatori della questura per un controllo, nel corso dell’indagine, nel tentativo di raccogliere indizi e particolari. Sembra, però, che non sia stato trovato.  

Tant’è. Dalle poche informazioni trapelate, parrebbe che ieri, due soggetti salentini, ancora in via d’identificazione, siano entrati nel campo e che uno abbia persino esploso un colpo di pistola in aria a scopo intimidatorio, per non far avvicinare nessuno. Il loro unico obiettivo era proprio Napoletano, che è stato pestato violentemente, usando persino una mazza da baseball. I due si sono poi dileguati, anche perché nel frattempo erano partite le chiamate al 113. Sul posto si sono dirette prima le volanti di polizia, poi la mobile per prendere in mano l’inchiesta.

Come detto, fra le altre cose, è stato svolto un sopralluogo in casa di uno dei due fratelli della vittima, senza che però sia stato trovato. Angelo Napoletano, nel frattempo, è stato condotto da un’ambulanza presso l’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce. Ha rimediato, fra l’altro, anche un colpo in testa. La prognosi è di 25 giorni.  L'inchiesta continua con il coordinamento del sostituto procuratore Elsa Valeria Mignone.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colpo di pistola in aria, poi botte con mazza da baseball nel campo Panareo

LeccePrima è in caricamento