Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca

Fermata staffetta con 19 cani diretti al Nord. Indagini sulle destinazioni

Un veicolo commerciale è stato fermato dalle guardie zoofile dell'Aeop di Nardò, nei pressi dell'ipermercato "Mongolfiera" di Surbo. Il mezzo non aveva rispettava le prescrizioni obbligatorie per il trasporto di animali

SURBO - Nel vano di quel furgone commerciale c'erano 19 cani, oggetto di quella che viene definita staffetta. Si tratta del trasferimento di esemplari ospiti di canili e rifugi dopo l'adozione da parte di famiglie che non hanno la possibilità di andare a prelevare l'animale dal luogo di provenienza.Ma quel mezzo, preso a noleggio da un uomo, non aveva le caratteristiche adatte al trasporto di animali. 

Sono state le guardie zoofile dell'Aeop di Nardò a fermare, ieri pomeriggio, il veicolo nei pressi dell'ipermercato "Mongolfiera" di Surbo. Sul posto sono intervenuti subito dopo gli agenti della guardia forestale. E'stato verificato che i cani avevano tutti il microchip ed erano accompagnati dalla necessaria documentazione e questo ha permesso che venissero riportati nei centri dai quali erano partiti. 

Il conducente del mezzo è stato sanzionato e pagherà una multa salata considerando che l'importo andrà moltiplicato per il numero di animali, mentre si sta vagliando la posizione di coloro che hanno lasciato che gli esemplari di loro pertinenza fossero trasportati in quelle condizioni. Il corpo forestale dello Stato ha già avviato le indagini per risalire alla destinazione degli esemplari

“Movimentazioni di cuccioli ed esemplari adulti di cani e gatti – ha commentato l’assessore leccese alle Politiche ambientali, Andrea Guido - che hanno assunto proporzioni sregolate e che da un po’ di tempo ci preoccupano. I mezzi utilizzati, non omologati, spesso sono stracolmi di animali, persino cento alla volta, intontiti dai sedativi o del tutto addormentati, ceduti, scambiati lungo la via con altri staffettisti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fermata staffetta con 19 cani diretti al Nord. Indagini sulle destinazioni

LeccePrima è in caricamento