Martedì, 28 Settembre 2021
Cronaca

Minacce, violenza e pedinamenti: imposto il divieto di avvicinamento

Nei confronti della moglie, dalla quale era in corso l'iter di separazione, anche un'aggressione a colpi di calci e pugni. Diverse le denunce presentate

LECCE – Pedinamenti, insulti, minacce e in un caso anche un’aggressione con calci e pugni, hanno trasformato la vita di una donna residente in un comune del basso Salento in un incubo. Fino al punto da presentare diverse denunce nelle quali lamentava atti persecutori da parte del marito, mentre era in corso l’iter della separazione.

Una situazione ingiustificabile e insostenibile, tanto che ieri gli agenti di polizia del commissariato di Taurisano hanno eseguito nei confronti di un 52enne, la misura del divieto di avvicinarsi a luoghi abitualmente frequentati dalla persona offesa, emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Lecce.

La donna ha subito un grave stato di ansia e di paura ed è stata costretta a modificare le proprie abitudini e ad evitare relazioni sociali con altre persone: l’indagato per stalking, infatti, utilizzava anche il profilo facebook della vittima, spacciandosi per lei, per offendere gli amici e diffamare la moglie ai loro occhi.

La misura imposta dal gip prevede il divieto di avvicinarsi al luogo di lavoro, al domicilio della donna, della famiglia di origine di quest’ultima e dei suoi familiari più prossimi. Inoltre è stato stabilito l’obbligo di non comunicare in alcun modo con la donna e i suoi parenti. Eventuali trasgressioni di ogni disposizione comporterà l’applicazione di misure più severe.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minacce, violenza e pedinamenti: imposto il divieto di avvicinamento

LeccePrima è in caricamento