Sabato, 13 Luglio 2024
Cronaca

“Discriminazioni fra i sindacalizzati, a una dipendente negato permesso allattamento”: è stato di agitazione

I lavoratori della Pegaso Security spa si dichiarano in stato di agitazione. Lo ha proclamato Ugl Lecce, richiedendo l’attivazione della procedura di raffreddamento al prefetto leccese e alla Commissione di garanzia per l’attuazione della legge sullo sciopero

LECCE – La vertenza giunge ora in prefettura: i lavoratori della Pegaso Security spa si dichiarano in stato di agitazione. Lo ha proclamato Ugl Lecce, richiedendo l’attivazione della procedura di raffreddamento al prefetto leccese e alla Commissione di garanzia per l’attuazione della legge sullo sciopero.

Da tempo l’organizzazione sindacale aveva contestato all’azienda il ritardo nel pagamento delle retribuzioni, riscontrando errori nelle buste paga e il mancato riconoscimento dei livelli previsti dal contratto. E ancora, aveva denunciato anche il mancato pagamento dei permessi, delle indennità di trasferta e, soprattutto, dei comportamenti “antisindacali” verso quei lavoratori iscritti all’organizzazione.

 In un caso, a detta di Ugl, a una dipendente sarebbe stato negato persino il permesso per l’allattamento del neonato. Nella nota divulgata agli organi di stampa si parla anche di demansionamenti nei confronti di quei lavoratori sindacalizzati e minor numero di ore di servizio rispetto ai colleghi non tesserati Ugl. Ora i sindacalisti chiedono un confronto tra le parti a stretto giro, per risolvere la vicenda.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Discriminazioni fra i sindacalizzati, a una dipendente negato permesso allattamento”: è stato di agitazione
LeccePrima è in caricamento