Cronaca

Strada e manufatto risultano abusivi e scattano sigilli e quattro denunce

Due distinte operazioni sono state effettuate dai carabinieri forestali di Tricase fra Castrignano del Capo e la zona di Tiggiano

Repertorio.

LECCE – Due operazioni sono state eseguite di recente dai carabinieri della stazione di Tricase, con sigilli e denunce. A Castrignano del Capo, in località Foresta Gorte, è stata deferita P.R., 71enne di Gagliano del Capo, ritenuta responsabile di interventi edilizi nelle zone sottoposte a vincolo in assenza del permesso e di lavori su beni paesaggistici in assenza di autorizzazione.

Secondo quanto contestato, avrebbe realizzato, su un terreno, un manto stradale in calcestruzzo su una strada sterrata per una lunghezza di 49 metri circa e una larghezza di 3, causando una trasformazione del territorio in zona gravata da vincolo paesaggistico e vincolata dal Pptr puglia come “immobili e aree di notevole interesse pubblico”.

A Tiggiano, invece, non lontano dalla nota e antica Torre Nasparo, sono stati denunciati A.D., 58enne,  A.G., 55enne e A.S., 51enne, tutti di Tiggiano, per interventi edilizi nelle zone sottoposte a vincolo in assenza di permesso e lavori su beni paesaggistici in assenza dell’autorizzazione.

E’ stato loro contestato di aver realizzato, in assenza di titoli abilitativi, un      manufatto per il contenimento dell’acqua piovana di circa 26 metri quadrati in una zona gravata da vincolo paesaggistico e ricadente nel parco naturale regionale “Costa Otranto – Santa Maria di Leuca e bosco di Tricase” e in sito di importanza comunitaria.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strada e manufatto risultano abusivi e scattano sigilli e quattro denunce

LeccePrima è in caricamento