Cronaca

"Strada pericolosa". Chiesta la messa in sicurezza

GenerAzione interviene sullo stato della provinciale Cursi-Melpignano, sottolineando come un materassino da mare e due paletti in legno non siano sufficienti a garantire le condizioni di sicurezza

via_cursi_melig.2

CURSI - Una strada a rischio: la segnalazione di pericolo riguarda la strada provinciale Cursi-Melpignano ed arriva dall'associazione "GenerAzione". Quest'ultima vuole porre all'attenzione degli enti preposti alla sicurezza stradale una situazione di grave pericolo che interessa l'arteria citata, in quanto sprovvista di guard-rail proprio a ridosso di alcune cave di pietra leccese.

"Tali cave - scrive Giovanni Epifani, presidente dell'associazione -, sono profonde e scavate a pochi metri dal manto stradale della provinciale, percorsa giornalmente da mezzi pesanti, da camion con motrice e rimorchio, da ruspe, muletti, ecc. Gli stessi mezzi, nell'operazione di manovra, incrociano non solo i cittadini di Cursi e Melpignano, ma un flusso sempre crescente di turisti".

Per Epifani, non è stata adottata alcuna precauzione per "scongiurare un'eventuale tragedia", fatta eccezione per "un materassino da mare e due legni incrociati", "espediente non sufficiente ad impedire in caso di sbandata o incidente tra mezzi, un'eventuale caduta all'interno della cava: "Quello che non è tollerabile - afferma - è l'indifferenza della classe politica, di fronte a questi pericoli. Non basta, quindi, giustificare i continui incidenti stradali con lo stato d'alterazione dei conducenti o con la sola velocità".

Epifani rammenta come nel caso della Cursi-Melpignano basti "veramente poco per finire dritti nel precipizio": "Occorre affrontare e risolvere il problema - dichiara -, senza aspettare i proclami del giorno dopo, un modo semplicistico e irresponsabile per salvare la coscienza da parte di chi avrebbe l'obbligo non solo morale di intervenire".

GenerAzione, attraverso una missiva in questi giorni, impegnerà i preposti alla sicurezza, partendo dai sindaci delle due comunità interessate, alla Polizia provinciale, al Presidente della provincia, chiedendo di porre in essere, nell'ambito delle proprie competenze e responsabilità, ogni provvedimento necessario a garantire la sicurezza e l'incolumità dei cittadini, sul tratto di strada in oggetto, con un "tempestivo intervento per ripristinare la sicurezza stradale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Strada pericolosa". Chiesta la messa in sicurezza

LeccePrima è in caricamento