Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cronaca

Strada statale 275, non si ferma la protesta. Il comitato attacca Anas e Blasi

Come ogni domenica è andata in scena la protesta degli operai che si sono costituiti in una sorta di comitato spontaneo

LECCE - Come ogni domenica è andata in scena la protesta degli operai che si sono costituiti in una sorta di comitato spontaneo e che da oltre sei mesi danno vita a manifestazioni nel tratto inziale della strada statale 275, all'altezza di Scorrano. L’ennesimo striscione di protesta era indirizzato, in questo caso, al presidente dell’Anas Gianni Vittorio Armani.

Ancora una volta il comitato di operai che fanno capo al gruppo Palumbo, interessato dall’aggiudicazione dell’appalto prima che Anas decidesse l’azzeramento della gara tenendo conto anche delle conclusioni dell’Autorità Anticorruzione, ha indirizzato la sua protesta verso le istituzioni: “La riunione chiesta da Anas nell’imminenza della sentenza del Tar, è servita a illustrare ben poco”. Il comitato non risparmi acritiche a Sergio Blasi, “che all’epoca era uno dei maggiori sostenitori e firmatari del progetto”.

Gli operai, in sintonia con il centrodestra locale, hanno chiesto la nomina di una gestione commissariale per sbloccare l’iter. Questa ipotesi è sempre stata considerata possibile, ma residuale, soprattutto dopo che Anas ha annunciato d’intesa con la Regione Puglia di voler procedere per lotti separati in modo da accorciare i tempi. Le aziende cui gli operai fanno riferimento hanno aperto un nuovo contenzioso sul fronte giudiziario.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strada statale 275, non si ferma la protesta. Il comitato attacca Anas e Blasi

LeccePrima è in caricamento