Strade pericolose. "E' ora di intervenire sul serio"

Dopo l'incidente della notte scorsa a Sant'Isidoro costato la vita ad un giovanissimo, il sindaco di Porto Cesareo invita le istituzioni alla mobilitazione generale per contrastare il fenomeno

L'ultimo incedente fatale è della scorsa notte (https://www.lecceprima.it/articolo.asp?articolo=2647). Un ragazzo giovanissimo di Copertino ha perso la vita, altri tre amici che erano in auto con lui sono finiti in ospedale. E sono le istituzioni ad interrogarsi su come agire, come evitare ulteriore spreco di vite umane. "Oramai ogni giorno è uno strazio - afferma il sindaco di Porto Cesareo Vito Foscarini -. Si va a dormire con la grande paura che l'indomani mattina sui giornali si legga che l'asfalto ha spezzato l'ennesima vita". Il sinistro della scorsa notte è avvenuto proprio in territorio di Porto Cesareo, una zona tristemente famosa per le sue strade spesso teatro di sanguinosi incidenti.

"Ci vuole maggiore sensibilizzazione da parte degli organi competenti - continua nel suo sfogo il primo cittadino della città jonica -, maggior rispetto del codice della strada, ci vogliono più campagne dei mass-media che provino a diminuire il tristissimo fenomeno degli incidenti stradali. Servono maggior rigore ed interventi degli enti istituzionali, di tutte le amministrazioni regionali provinciali e comunali, delle scuole; ma è necessario soprattutto, dotarsi di una migliore segnaletica stradale e di strade più sicure soprattutto nei collegamenti tra paesi, città e località turistiche. Non possiamo restare inermi di fronte ad una strage senza fine".
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Occorre mobilitarsi -conclude Foscarini- e combattere con tutti i mezzi a disposizione i principali motivi alla base di incidenti stradali. Penso alla quasi totale assenza di guard-rail che delimitano le carreggiate dai terreni circostanti spesso caratterizzati dalla presenza di grossi alberi o di pali elettrici, all'imprudenza generalizzata, agli accessi su strade provinciali non segnalati, al non rispetto del codice stradale degli automobilisti. Siamo tutti colpevoli di ogni morte sulla strada fino a quando ognuno di noi non si sarà impegnato a sensibilizzare il prossimo. Salvare la propria vita vale quanto salvare la vita degli altri".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripresa del virus in provincia di Lecce: 33 i positivi, tra questi bimbo di 4 mesi

  • Schianto frontale in moto contro un'auto: muore 54enne, grave una donna

  • Trascina la figlia per l'orecchio, i clienti del bar si ribellano e finisce a botte

  • Coronavirus in Puglia: nove positivi, cinque nel Salento fra cui anziano di una Rsa

  • Sospetta violenza sessuale: 20enne con forti dolori denuncia stupro

  • Emergenza coronavirus, registrati altri tre casi di positività in provincia di Lecce

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento