Stragi di migranti, la tragedia della Kater ci ricorda il fallimento dei "blocchi navali"

Pochi ricordano, o forse molti dimenticano, che proprio il cosiddetto "blocco navale" provocò la tragedia della motovedetta albanese "Kater I Rades", che il 28 marzo 1997, la sera del Venerdì Santo, entrò in collisione, nelle acque del Canale d'Otranto, con la nave militare della Marina italiana "Sibilla", provocando una vera strage

LECCE – Quello avvenuto tra sabato e domenica nelle acque libiche, il cui bilancio in vite umane si aggira tra le 700 e 900 vittime, è solo l’ultimo terribile naufragio nella storia delle migrazioni di massa verso l’Italia. Storie di migranti e morte che riportano inevitabilmente alla mente le tragedie avvenute a poche decine di chilometri dalle coste pugliesi. Il naufragio a sud della Sicilia ha provocato, inevitabilmente, un coro di polemiche e dibatti politici sul tema dell’immigrazione. C’è chi, come il segretario della Lega Matteo Salvini, chiede “un blocco navale internazionale subito, davanti alle coste libiche e Guardia costiera e militare a soccorrere e difendere i nostri confini”.

Pochi ricordano o forse molti dimenticano, che proprio il cosideeto “blocco navale”, provocò la tragedia della motovedetta albanese “Kater I Rades”, che il 28 marzo 1997, la sera del Venerdì Santo, entrò in collisione, nelle acque del Canale d'Otranto, con la nave militare della Marina italiana “Sibilla”, provocando una vera strage. Una delle più grandi tragedie avvenute in mare, frutto delle politiche di respingimento. Cinquantasette le vittime accertate, ventiquattro i dispersi, anche se con ogni probabilità furono almeno un centinaio, le persone a perdere la vita e i cui corpi, mai ritrovati, furono avvolti dalla tomba liquida dell’Adriatico. Clandestini per le leggi italiane, migranti per quelle inconfutabili della storia.

La “Kater I Rades” (letteralmente “Battello in rada”), una piccola motovedetta militare di produzione russa lunga poco più di 21 metri e allestita 35 anni prima per il trasporto di solo nove marinai, era salpata alle ore 15 del 28 marzo 1997 dal porto albanese di Valona con oltre 100 persone a bordo, tutti di nazionalità albanese, in alcuni casi intere famiglie, in fuga dalla grave crisi economica e politica che aveva travolto l'Albania. Uomini, donne e bambini che avevano pagato quel viaggio circa 800mila lire a testa. Da alcuni giorni, però, l'Italia aveva predisposto, in base anche a un accordo con l’Albania, un blocco navale, nome in codice "Operazione bandiere bianche”, schierando diverse navi militari nel Canale d'Otranto con il compito di bloccare le cosiddette “carrette albanesi”.

La “Kater I Rades” aveva da poco doppiato il capo dell'isola Karaburun, quando fu intercettata dalla fregata italiana “Zeffiro” che navigava in acque albanesi e che le intimò di invertire la rotta. Alla 17.30, la motovedetta fu “presa in consegna” da un'altra nave italiana, la “Sibilla”, che cominciò ad avvicinarsi al naviglio albanese. Secondo le disposizioni vigenti in quei giorni, la nave della Marina militare doveva svolgere delle “manovre cinematiche di interposizione”. Cercare, cioè, seppur nel pieno rispetto delle norme previste dalle leggi internazionali della navigazione, di intercettare l’imbarcazione proveniente dal “Paese delle aquile” e di farla tornare indietro. A complicare il tutto furono anche le cattive condizioni del mare. Secondo la difesa del comandante Laudadio, gli avvocati dello Stato Giovanni de Figuereido e Giovanni Gustapane, la “Sibilla” si limitò a procedere con una rotta lineare, mantenendosi a circa 20 metri dalla “Kater”, lasciando libera, come previsto dai codici marittimi, la rotta verso l’Italia. Secondo i legali, infatti, l’unico responsabile della tragedia fu il pilota della motovedetta albanese, che violò le norme della navigazione, compiendo una serie di manovre errate.

Una teoria accolta anche dall’accusa, rappresentata dal procuratore generale Giuseppe Vignola, secondo cui fu proprio il comandante della “Kater I Rades”, dopo essere stato intercettato, a compiere una serie di manovre pericolose per sfuggire ai controlli. L'ultima sarebbe avvenuta a circa trenta metri di distanza dalla “Sibilla”: la motovedetta avrebbe sterzato prima a sinistra e poi improvvisamente a destra cercando di passare davanti alla nave italiana. La tragedia si concretizzò alle 18.45: la prua della nave Sibilla entrò in collisione con la piccola imbarcazione albanese. Nell'impatto molte persone finirono in mare. Poco dopo la motovedetta albanese si capovolse, affondando alle 19.03. A salvarsi furono solo in solo 34. Tantissime le vittime, soprattutto donne e bambini che, stipati sotto coperta, non riuscirono a sfuggire a una morte atroce, proprio come avvenuto nel canale di sicilia.

In primo grado il Tribunale di Brindisi aveva condannato, con l'accusa di “naufragio e omicidio colposo plurimo”, a 3 anni di reclusione il comandante della Sibilla, Fabrizio Laudadio, e a 4 anni il comandante albanese della Kater, Namik Xhaferi. Laudadio era stato anche condannato al risarcimento dei danni alle parti civili, compreso lo Stato albanese.

Nel giugno 2011, dopo oltre 14 ore di camera di consiglio, i giudici della Corte d’Appello di Lecce (presidente Roberto Tanisi), hanno condannato Laudadio a due anni e quattro mesi di reclusione, e Namik Xhaferi a tre anni e dieci mesi. La riduzione di pena scaturisce dal fatto che uno dei capi d’imputazione, quello delle lesioni colpose, è ormai prescritto. Laudadio e la Marina militare italiana sono stati anche condannati a risarcire con circa 4 milioni di euro le parti civili (cinquantadue), cioè i parenti di alcune delle vittime. La costituzione di alcune parti civili è stata respinta perché tardiva o incorretta. Cifre ritenute troppo esigue dalla stampa albanese e dall'opinione pubblica del Paese. Verdetti che non hanno accertato la verità, a cominciare dalla cosiddetta “linea di comando” di quel tragico Venerdì Santo. Stabilire, cioè, chi ordinò alle navi militari di fare in modo che, quasi a ogni costo, quell’imbarcazione di civili inermi non raggiungesse le nostre coste. Un naufragio prodotto dalle assurde e irragionevoli politiche di respingimento e blocco navale, utili solo a spezzare vite e sogni di chi ha cercato di inseguire la speranza di un’esistenza migliore.

Anche quest’anno, come ogni 28 marzo, i fiori sono tornati a galleggiare nella baia di Valona, per ricordare le vittime di quel naufragio ed essere inghiottiti, come quei corpi diciotto anni fa, dalle onde del buio mare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perde il controllo della moto e si schianta vicino casa: muore 35enne

  • Coppia massacrata in casa, il giovane assassino reo confesso chiede l’abbreviato

  • Muore colto da infarto davanti alla scuola: attendeva la nipotina

  • Benzina e fuoco nell’autolavaggio: ma l'hard disk delle videocamere "sopravvive" alle fiamme

  • Non si fermano all’alt, schianto sul guardrail: in auto la targa rubata a un finanziere

  • Scuola, in arrivo una nuova ordinanza: Ddi al 100 per cento per una settimana

Torna su
LeccePrima è in caricamento