Cronaca

Strani rumori dalla pasticceria, passante avverte i poliziotti: arrestato ladro

Un 48enne tarantino, noto alle forze dell'ordine, arrestato in città: si è introdotto in un laboratorio nei pressi della questura e ha asportato 200 euro

Foto di repertorio

LECCE –  Un passante sente dei rumori sospetti all’interno della pasticceria e chiama la polizia: in manette un ladro. Nel cuore della notte, i poliziotti della questura leccese hanno raggiunto un laboratorio dolciario nelle vicinanze. Sul posto vi era ancora il cittadino che ha lanciato l’allarme: aveva visto un individuo aggirarsi nei pressi del locale e ha indicato agli agenti la direzione.

Effettivamente, la saracinesca è risultata forzata. Sospettando che un ladro potesse ancora trovarsi all’interno, i poliziotti hanno sbarrato l’uscita secondaria e si sono introdotti nella pasticceria. Sul pavimento vi era un cacciavite, probabilmente usato per danneggiare l’infisso e creare l’accesso. Ma oltre all’arnese, nel laboratorio è stato anche trovato il ladro. Sottoposto a una perquisizione, all’interno della tasca della giacca aveva nascosto sia una torcia, sia uno scaldacollo per coprirsi il volto al momento della fuga.

Come se non bastasse, nel giubbotto vi era anche la somma di 200 euro, corrispondente a quella prelevata poco prima dal registratore di cassa e indicata dallo stesso proprietario. Al termine degli accertamenti, Lorenzo Tramacere, 48enne tarantino, noto per fatti simili,  è stato arrestato per furto aggravato in flagranza di reato e condotto nel carcere di Lecce

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strani rumori dalla pasticceria, passante avverte i poliziotti: arrestato ladro

LeccePrima è in caricamento