Cronaca

Strattona la madre e sfascia gli arredi: pretendeva di ottenere denaro

A Ugento i carabinieri della stazione locale hanno arrestato un 34enne. L'intervento è avvenuto a tarda ora nell'abitazione

UGENTO - Tentata estorsione e maltrattamenti in famiglia. Sono i reati contestati ad Alessandro Franza, 34enne di Ugento che nel corso della nottata è finito in carcere, a Lecce, dopo un intervento dei carabinieri della stazione locale, chiamati a sedare una situazione incandescente all’interno delle mura di un’abitazione.

I militari sono arrivati nell’abitazione dove Dranza abita con la madre, 72enne, attorno alle 22 di sera. Stando alle accuse, poco prima avrebbe minacciato e poi strattonato la madre, allo scopo di ottenere denaro con cui acquistare sostanze stupefacenti.

Durante le concitate fasi, il 34enne sarebbe arrivato a danneggiare anche alcune suppellettili in casa.

A Lecce, invece, i carabinieri della stazione di Santa Rosa hanno dato esecuzione a un provvedimento emesso dal Tribunale di sorveglianza di Lecce, arrestando Gianfranco Longo, 46enne. L’uomo, infatti, deve scontare, un cumulo di pena di otto mesi e quindici giorni per guida in stato di ebbrezza e violazione del foglio di via obbligatorio. Arrestato, è stato sottoposto ai domiciliari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strattona la madre e sfascia gli arredi: pretendeva di ottenere denaro

LeccePrima è in caricamento