Viola gli obblighi: le telefonate alla madre a Como gli costano l'arresto

In carcere finisce un 37enne di Parabita. Aveva ricevuto il divieto totale di avvicinarsi o contattare in alcun modo la vittima

PARABITA – Finire in una cella del carcere per aver contattato la madre per telefono che si trova distante migliaia di chilometri. Può succedere, se vi sia un divieto talmente restrittivo, a causa di precedenti vicende di atti persecutori, da includere non solo il classico divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla vittima, ma anche quello di non avere, appunto, alcun contatto usando altri mezzi. Telefono in primis.

LEOPIZZI CARLO-2Avvicinarsi alla madre, per Carlo Leopizzi, 37enne di Parabita, era oggettivamente difficile, stando lei in provincia di Como. Ed ecco, allora, le telefonate, che gli sono però costate molto care. E’ scattata una denuncia, infatti, per la violazione, che si sarebbe consumata il 20 settembre scorso, la è confluita davanti al giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Como.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quest’ultimo ha quindi emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, spedita a Parabita, perché fosse eseguita dai carabinieri della stazione locale. E così è stato: i militari, nelle scorse ore, hanno rintracciato Leopizzi, conducendolo in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Focolaio nella casa di riposo e il dato dei contagi in Puglia s'impenna

  • Duplice delitto, l’istinto omicida anche in ospedale e la nuova perizia sui bigliettini dell’orrore

  • Puglia, positivo il 13 per cento dei tamponi. Un cluster a Castrignano de' Greci

  • Covid-19, balzo al 6,5 per cento dei nuovi infetti: sono 350 in Puglia

  • In centinaia ne “La Fabbrica”, piomba la polizia: locale chiuso cinque giorni

  • Il lusso targato Renè de Picciotto: dal lido di Savelletri alla terrazza pensile di Lecce

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento