rotate-mobile
Cronaca Surbo

Giro di vite in tutta la provincia, quattro arresti per spaccio e uno per armi

Cocaina e marijuana, controlli serrati dei carabinieri. Due giovani fermati a Novoli, un altro a Cutrofiano. A Surbo controlli anche con il cane antidroga del Nucleo cinofili: un 73enne trovato con quasi 2 chili di "erba" e un uomo con una pistola e munizioni varie

LECCE – Droga, soprattutto, ma – in un caso – anche armi. Sono cinque gli uomini arrestati dai carabinieri nelle ultime ore, tutti in distinte operazioni che si sono svolte in varie parti della provincia di Lecce. Come nel caso di Novoli, dove due giovani, già noti alle forze dell’ordine, sono finiti nei guai con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Si tratta di Patrick Cava, 26enne di Guagnano, e Lucio Rucco, di 28 anni, quest’ultimo novolese.  

I due sono stati fermati sulla via di Carmiano, dentro Novoli, dai carabinieri della stazione locale, mentre si trovavano a bordo di una Mercedes. I militari hanno voluto approfondire il controllo, con una perquisizione, trovando addosso a Cava ben 64 dosi di cocaina, per un totale di 26,6 grammi. Rucco, invece, aveva molto di meno: 1,1 grammi di hashish e 1,6 di marijuana. Gli approfondimenti sono proseguiti anche nelle rispettive abitazioni dove, tuttavia, non è stato trovato altro. Condotti in caserma, per entrambi è scattato l’arresto e sono stati disposti i domiciliari.

DROGA NOVOLI-2-2

Sempre cocaina è al centro anche di un’altra operazione, avvenuta, questa volta, a Cutrofiano, dove i carabinieri della stazione locale hanno fermato, in un controllo mirato, Giuseppe Catalano, 36enne. L’uomo era sotto osservazione già da diverso tempo e ieri è scattata la perquisizione in casa, durante la quale sono state trovate cinque confezioni di plastica contenenti 19 grammi di cocaina, un’altra con 43 grammi di marijuana, un bilancino di precisione, vario materiale per il confezionamento e 500 euro in banconote di piccolo taglio, presumibilmente soldi provenienti dalla cessione di singole dosi. L’arresto è stato convalidato, tuttavia per l’uomo, in questo caso, è stata disposto anche il ritorno in libertà.

DROGA CUTROFIANO-5

E non è tutto, perché a Surbo si è svolto un altro controllo mirato in due distinte abitazioni, che i carabinieri della stazione locale hanno effettuato, in questo caso, insieme con il Nucleo cinofili di Modugno, i quali si sono presentati all’appuntamento con il cane Zilo. Nella prima circostanza, in arresto è finito Ennio Carlà, 73enne, trovato con ben 1 chilo e 700 grammi di marijuana in casa. L’uomo, peraltro, non è nuovo alle cronache, dato che nel 2018 fu arrestato, sempre per marijuana, quando fu trovato con ben 22 piante in casa. Nella seconda, invece, nei guai è finito Giuseppe Fasano, 50enne, con l’accusa di detenzione abusiva di armi da guerra. Aveva una pistola Beretta, munita di caricatore con sette colpi, calibro 9 corto modello 1939, e ulteriori 68 proiettili calibro 9. Entrambi sono finiti ai domiciliari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giro di vite in tutta la provincia, quattro arresti per spaccio e uno per armi

LeccePrima è in caricamento