menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Irruzione con le armi di quattro banditi, rapina e panico nello store cinese

Scene da film questa sera attorno alle 20 all'interno dello store Kasawika nell'area Pip di Surbo. I malviventi sono fuggiti con una Hyundai rubata

SURBO – Defilato, anche se vicino ad altri stabilimenti, principalmente concessionarie d’auto e arredamento. E, di sicuro, rispetto a chi vede circolare moneta in formato virtuale, pieno di liquidi freschi nelle casse. I malviventi l’hanno studiata bene. E se la sono svignata questa sera con un bottino di almeno 5mila euro. Tanto è stato quantificato sul momento dai gestori di “Kasawika”, immenso store cinese che vende di tutto, dall’abbigliamento ai casalinghi, sorto di recente in uno degli ultimi capannoni dell’area Pip di Surbo, lungo l’asse di via Giuseppe Leone, non lontano dal centro commerciale “Mongolfiera”.

Pistole e cappucci

Volti coperti da passamontagna, almeno un paio di pistole spianate. Quando hanno fatto irruzione, attorno alle 20, poco prima che il negozio chiudesse, ai tanti clienti ancora presenti – anche intere famiglie - deve essere sembrato di essere finiti improvvisamente sulla pellicola di un film. La sola visione di cappucci e armi ha generato il panico.

I più vicini all’azione sono fuggiti,  altri si sono nascosti nei meandri del capannone. Tutto è però durato pochi istanti. Il tempo di urlare minacce, arraffare il denaro dalle casse e svignarsela. Una fuga spericolata nel buio, che li ha inghiottiti chissà dove. Sulla statale 613, sulla tangenziale ovest, o magari in qualche via più defilata di un’area periferica sconfinata.

L'auto rubata a Lecce

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Surbo e del Nucleo operativo radiomobile di Lecce per avviare le indagini e le ricerche. Anche le volanti di polizia si sono messe a caccia della banda. Ma non c’è stato verso di rintracciare quell’auto, una Hyundai I20. La targa è stata annotata e riferita alle forze dell’ordine.

Ai terminali, come facilmente sospettabile, la vettura è risultata rubata il 21 settembre scorso in una zona centrale di Lecce. Uno degli elementi in mano agli investigatori dell’Arma, insieme ai filmati di videosorveglianza. Sono stati acquisiti e saranno esaminati con attenzione. Anche il minimo dettaglio può a volte instradare verso la soluzione. Specie, com’è presumibile dalla preparazione e dall’attuazione del colpo, se si tratti di soggetti avvezzi al crimine e non certo novellini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento