Cronaca

Tap, la polizia locale sospende i carotaggi. L'azienda: "Tutto regolare"

Inizia con un vero e proprio "giallo" la seconda fase dei sondaggi geotecnici lungo il percorso a terra previsto per il gasdotto. La polizia locale di Melendugno ha sospeso le operazioni per la mancanza della comunicazione di inizio lavori. Per Tap non c'è stato alcuno stop ed è tutto regolare

La spiaggia di San Basilio.

LECCE – Inizia con un vero e proprio “giallo” la seconda fase dei sondaggi geotecnici lungo il percorso a terra previsto per il gasdotto, fino all’area dove dovrebbe sorgere la centrale di depressurizzazione (Ptr) del metano proveniente dall’Azerbaijan. Questa mattina, infatti, gli uomini della polizia locale di Melendugno, guidati dal comandante Antonio Nahi, hanno eseguito un sopralluogo e verifiche di natura amministrativa, constatando la mancanza della comunicazione di inizio lavori e della presenza di un archeologo nei pressi dei cosiddetti carotaggi.

Pertanto, dopo aver redatto un verbale di ispezione, gli agenti hanno decretato la sospensione dei lavori. La documentazione è ora al vaglio dell’ufficio tecnico del Comune, che dovrà stabilire, in base a quanto accertato dall’ispezione degli uomini del comandante Nahi, l’eventuale assenza di comunicazioni, permessi e atti amministrativi.

Immediata è giunta la risposta della Tap, che in un comunicato sottolinea che “al sopralluogo non è seguito nessun sequestro né ordine di sospendere i lavori, come erroneamente riferito da alcuni, ma una contestazione in ordine all’assenza della comunicazione di inizio di attività di edilizia libera”.

“Si tratta – precisano i repsonsabili del progetto – di una contestazione infondata: per lo svolgimento dei sondaggi geognostici la legge non richiede alcun obbligo di ottenere permessi dalla pubblica amministrazione. Occorre invece l’autorizzazione del proprietario del suolo nel caso in cui i sondaggi debbano essere effettuati da soggetto diverso dal proprietario. Nella specie, sussistendone le condizioni di legge (trattandosi di infrastruttura energetica ed essendovi più di venti proprietari interessati) Tap ha potuto ottenere il 30 maggio scorso un decreto prefettizio che autorizza l’accesso nei fondi interessati al fine di compiere le previste indagini e che è stato, come prevede la legge  pubblicato nell’Albo pretorio del Comune di Melendugno. Tale pubblicazione avviene a cura del Comune stesso e sostituisce a tutti gli effetti, è sempre la legge a prevederlo, le comunicazioni o notificazioni previste ordinariamente”. 

Inoltre, sempre secondo Tap, “un’ulteriore legittimazione delle indagini in questione deriva dalla prescrizione A3 contenuta nel Decreto di compatibilità ambientale firmato l’11 settembre scorso dal ministro dell’Ambiente Galletti”.

I sondaggi  sarebbero dunque effettuati in ottemperanza ad un provvedimento amministrativo. Tap ha comunque deciso di effettuare la richiesta comunicazione (la stessa può essere trasmessa via Pec), annunciando che i sondaggi, interrotti per la pioggia battente nel pomeriggio di oggi, riprenderanno già domani, se le condizioni meteo lo consentiranno. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tap, la polizia locale sospende i carotaggi. L'azienda: "Tutto regolare"

LeccePrima è in caricamento