Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Ultimo atto del presidente del Tar: ecotassa al minimo se rifiuti diminuiscono

Il giudice Antonio Cavallari dal primo gennaio a riposo per raggiunti limiti di età. In mattinata ha emesso un provvedimento cautelare riconoscendo ancora una volta le ragioni dei Comuni che hanno ridotto il volume dei rifiuti, anche indipendentemente dalla differenziata

Il presidente del Tar di Lecce, Antonio Cavallari.

LECCE – Con un provvedimento a conferma di quelli precedenti, il presidente del Tar di Lecce, Antonio Cavallari riconosce le ragioni di 62 amministrazioni comunali del Salento che hanno aperto un contenzioso con la Regione Puglia sull’ecotassa.

La determinazione urgente, resa nota questa mattina, stabilisce ancora una volta che i Comuni hanno diritto alla premialità e devono quindi corrispondere il tributo nella misura minima. Il punto di divergenza riguarda il peso specifico della differenziata nel computo di quella totale.

Per la Regione l’obiettivo della riduzione dei rifiuti si intende centrato solo accompagnato dall’aumento di differenziata previsto dalla legge, mentre per l’avvocato Luigi Quinto non importa quale sia il metodo, ma rileva solo la diminuzione della quantità rifiuto tal quale, anche se ottenuto con altri metodi specifici negli impianti di trattamento.

Nonostante l’orientamento già acquisito dalla giustizia amministrativa, la Regione ha adottato a metà dicembre un atto per esigere l’ecotassa senza premialità. Il provvedimento di oggi è anche l’ultimo del presidente del Tar di Lecce, Antonio Cavallari, da domani a riposo per raggiunti limiti di età.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ultimo atto del presidente del Tar: ecotassa al minimo se rifiuti diminuiscono

LeccePrima è in caricamento