"Io, pestato". Telefona al 112 , ma poi finisce in zuffa con militari e agenti

Una vera e propria notte di follia. In arresto un 44enne di Taurisano, denunciato un 40enne di Matino, sottoposto anche a tso. Prima la chiamata al 112: "Sono stato aggredito". Poi, all'arrivo della pattuglia, calci e pugni. Chiesto il supporto di polizia e altri carabinieri per bloccarli

Il pronto soccorso del Ferrari di Casarano.

TAURISANO – E’ una situazione delicata e di disagio, quella nella quale si sono andati a infilare ieri i carabinieri e gli agenti di polizia del commissariato di Taurisano. E pensare che a telefonare alle forze dell’ordine era stato, poco prima, proprio uno dei due individui finiti nei guai. La chiamata è partita dal cellulare di Francesco Preite, 44enne di Taurisano.

Lo stesso Preite, insieme a un altro individuo, S.C., 40enne di Matino, si sarebbe di lì a poco scagliato proprio contro i carabinieri. Giunti in supporto gli agenti di polizia del commissariato, e poi altri carabinieri, stessa sorte sarebbe toccata anche a loro.

Vista così potrebbe quasi sembrare una sorta di commedia nera, per la classica notte di follia. In realtà è una vicenda dai contorni particolari, per i quali si è dovuto procedere necessariamente a un arresto, quello di Preite, e a un trattamento sanitario obbligatorio per il matinese, a sua volta denunciato a piede libero. I due rispondono di lesioni, ma anche violenza, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale.

Tutto ha avuto origine dalla richiesta d’intervento di Preite perché, a suo dire, sarebbe stato vittima di percosse.  Quando i militari sono intervenuti nell’abitazione per vederci chiaro, la situazione ha però assunto una piega quasi incomprensibile. Calci, pugni e spintoni, da parte dei due, con necessaria richiesta di altre pattuglie. Ed ecco che sono arrivati i poliziotti di Taurisano e altri carabinieri, in questo caso dalla vicina Ugento. Ma anche i nuovi intervenuti hanno subito la stessa sorte, con minacce pronunciate persino brandendo fra le mani un grosso martello, una spranga di ferro e altri oggetti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutti insieme, alla fine, sono riusciti a bloccare i due individui, richiedendo l’intervento urgente del 118. S.C. è stato accompagnato presso l’ospedale di Casarano, per il trattamento sanitario obbligatorio, e nello stesso pronto soccorso si sono diretti anche militari e poliziotti, alcuni dei quali hanno avuto prognosi di qualche giorno per le lesioni riportate nel tentativo di bloccare i due esagitati. Preite, trasportato presso la caserma, una volta accertati i fatti e data comunicazione al pm di turno, Emilio Arnesano, è stato dichiarato in arresto e destinato ai domiciliari. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento