menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La caserma dei carabinieri di Taviano.

La caserma dei carabinieri di Taviano.

Bomba carta fa saltare i vetri di un portone, mistero sul movente

È successo l'altra notte a Taviano, in via Matino, nel pieno centro della cittadina. Forte l'esplosione, ma danni piuttosto contenuti. Sono intervenuti i carabinieri del posto e di Casarano. Acquisiti alcuni filmati

TAVIANO – Un ordigno di piccole dimensioni, molto probabilmente una bomba carta, ha fatto saltare in aria la vetrata del portone d’ingresso di un’abitazione di Taviano. È successo nella notte fra domenica e lunedì in via Matino. Un caso sul quale, ora, stanno indagando i carabinieri della stazione locale, dopo un primo intervento sul posto della sezione radiomobile della compagnia di Casarano, per gli accertamenti iniziali.

Ma chi ha agito? E da quali intenzioni era animato l’ignoto? Per ora, sulla vicenda, c’è un velo di mistero. Però, nella zona, nel pieno centro di Taviano, sono presenti varie videocamere di sorveglianza che sono state acquisite e sono al vaglio degli investigatori.

L’immobile colpito è di proprietà della famiglia di un 52enne, agricoltore, che risiede a breve distanza dal luogo dov’è avvenuta l’esplosione. Il boato è stato piuttosto forte e ha attirato l’attenzione del vicinato, sebbene i danni siano stati limitati al solo portone, con il vetro che, come detto, è andato in frantumi. Nel corso del primo sopralluogo non sembra che siano stati trovati molti elementi, a parte i frammenti saltati per aria, ma, come detto, le telecamere non mancano e potrebbero contribuire a fare chiarezza sull’episodio.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Giornata mondiale del libro, gli italiani leggono di più

  • social

    Lupo trovato morto sul ciglio della strada

  • Cucina

    Crostini al patè di funghi, sfiziosi e saporiti

  • Cucina

    Una gustosa mousse di mortadella e pistacchi

Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento