Tempesta di grandine, bagnanti bersagliati da grossi chicchi. Quattro salvataggi

Burrasche e grandinate nel pomeriggio si sono abbattute per una manciata di minuti in diversi centri salentini. La zona più colpita quella di Porto Cesareo dove la postazione acquatica dei vigili del fuoco ha prestato soccorso a natanti e villeggianti

PORTO CESAREO - Dopo una mattinata decisamente afosa e con una leggera ventilazione, il cambio repentino del tempo, preannunciato anche con un allerta meteo diramata nelle ultime ore dalla protezione civile, ha determinato nel pomeriggio una sventagliata di rovesci e temporali concentrati soprattutto sulla dorsale ionica. La perturbazione in discesa dalle zone del Tarantino ha interessato anche diverse zone del Salento. E in particolare il litorale da Punta Prosciutto sino a Porto Cesareo e Torre Lapillo è stato colpito da una violenta grandinata.

Venti settentrionali in rinforzo e graduale calo delle temperature hanno portato anche pioggia e burrasche, tanto violente quanto fugaci, che hanno interessato nell’arco di una decina di minuti le zone tra Nardò, Porto Selvaggio, Gallipoli, Maglie e le marine di Andrano. Ma i problemi più grossi hanno riguardato la violenta grandinata concentrata sull'alta costa ionica leccese, con chicchi piovuti giù dal cielo tra i 4-5 centimetri di diametro.

Bersagliata soprattutto la zona del litorale di Porto Cesareo, Torre Castiglione e la zona di Serra degli Angeli. La violenta precipitazione ha scatenato un fuggi fuggi generale dei bagnanti dalle spiagge e coloro che sono rimasti hanno dovuto trovare riparo sotto gli ombrelloni o le strutture degli stabilimenti balneari. Diverse auto sono rimaste ammaccate e danneggiate dai colpi dei corposi chicchi di grandine. Molte strade delle marine ioniche si sono allagate.     

Sempre a Porto Cesareo, proprio in seguito all’ondata di maltempo con grandine e pioggia, provvidenziale l’intervento del personale del presidio acquatico dei vigili del fuoco, una delle tre postazioni del corpo che opera per la sicurezza nel periodo della stagione balneare.

Questo pomeriggio sono stati ben quattro gli interventi delle squadre dei caschi rossi per prestare  soccorso a persone e natanti messi in difficoltà dalla burrasca in prossimità dell’Isola dei conigli. La postazione resterà attiva lungo le coste cesarine (ma altre sono già dislocate o pronte ad essere attivate tra Monopoli, dove ieri è stata soccorsa un’imbarcazione che in avaria sbatteva su scogli, Barletta e Brindisi) sino al 31 agosto prossimo con l'impiego di una moto d'acqua, sommozzatori e di un battello pneumatico per il servizio di avvistamento incendi e di soccorso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

           

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale in moto contro un'auto: muore 54enne, grave una donna

  • Trascina la figlia per l'orecchio, i clienti del bar si ribellano e finisce a botte

  • Coronavirus in Puglia: nove positivi, cinque nel Salento fra cui anziano di una Rsa

  • Sospetta violenza sessuale: 20enne con forti dolori denuncia stupro

  • Infezione da Covid-19: sono 56 i casi positivi nel Salento, 6 a Lecce

  • Nessuno stupro a Gallipoli: falso allarme, i due appartati prima del collasso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento