Tensioni e disordini al cantiere Tap: condanna a nove mesi per un attivista

E' tornato in libertà il 52enne fermato per resistenza e lesioni aggravate a pubblico ufficiale, e getto pericoloso di cose

LECCE – Si è chiuso con una condanna a nove mesi (sospesa) il giudizio per direttissima nei confronti di Saverio Pellegrino, il 52enne originario di Andrano, attivista del movimento contro il gasdotto della Tap, arrestato in flagranza di reato all’alba del 10 aprile nell’ambito dei disordini nati dopo l’ennesima manifestazione di protesta contro la realizzazione del progetto. Il giudice ha revocato gli arresti domiciliari e concesso il solo obbligo di dimora. Pellegrino, assistito dall’avvocato Carlo Sariconi, è accusato di resistenza a pubblico ufficiale, getto pericoloso di cose, inottemperanza al foglio di via obbligatorio e lesioni aggravate a pubblico ufficiale. Nei suoi confronti è già stato emesso un foglio di via obbligatorio per tre anni da Lecce e da Melendugno, con scadenza fissata per il 2021.

Stando alle ricostruzioni svolte dalla polizia e che hanno portato all’arresto, tutto ha avuto inizio alle prime ore del giorno. Ad agire, sarebbe stata una quarantina di persone, attivisti contro il gasdotto. Anche questa volta il trasporto dei mezzi verso il cantiere di località San Basilio, è stato interrotto usando grossi pezzi di mattoni cementizi. Sono stati posizionati all’altezza dell’incrocio tra le via San Niceta e Einaudi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E’ stato poi collocato al centro della strada provinciale 145 e dato alle fiamme un cassonetto dei rifiuti, sempre con l’obiettivo di ostacolare il passaggio dei mezzi al cantiere e della scorta fornita dalle forze dell’ordine. Ed è stato quando si è tentato di rimuovere gli ostacoli, che è partita una sassaiola: pietre di cemento, quattro delle quali hanno centrato e ferito altrettanti agenti del Reparto mobile di Reggio Calabria. Hanno riportato lesioni e contusioni, con prognosi di circa dieci giorni. Gli agenti hanno fermato Pellegrino, trovato in possesso di grosse pietre di cemento, nascoste nelle tasche esterne del giubbotto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica alba, podista viene travolto da un furgone: morto sul colpo

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • Palpeggia ragazza, inseguito dal padre perde il cellulare. E viene identificato

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento