Cronaca

I vigili devono sfrattare una famiglia. Ma esplode la protesta da parte dei parenti

Momenti di tensione sono stati registrati nel corso della giornata a Galatone. Gli agenti della municipale hanno raggiunto una famiglia, assieme a un'assistente sociale, per notificare il provvedimento di sfratto. Ma un gruppo di parenti ha protestato animatamente. Il sindaco ha rintracciato una sistemazione alternativa

Il Comune di Galatone

GAATONE  - Sono stati momenti di tensione che, a partire dal mattino, sono terminati soltanto nel pomeriggio. Il provvedimento di sfratto destinato a una famiglia di Galatone, composta da una coppia e da tre figli, ha infatti creato più di un malumore. Intorno alle 10, gli agenti di polizia locale della cittadina si sono recati presso l’alloggio popolare, accompagnati da un’assistente sociale, per notificare la misura alla famiglia.

All’arrivo dei vigili, tuttavia, gli occupanti dell’abitazione hanno mostrato più di una riserva ad abbandonare la struttura, chiedendo che l’amministrazione comunale, quanto meno, provvedesse ad una sistemazione alternativa. La situazione si è fatta più complessa con l’arrivo di alcuni amici e parenti della famiglia. Questi ultimi hanno protestato in maniera accesa, ribellandosi alla decisione.

Tanto che, intorno a mezzogiorno, sul posto sono anche giunti i carabinieri della stazione locale, assieme ai colleghi della compagnia di Gallipoli. Gli animi si sono placata senza alcuna conseguenza, né particolari attriti. Il sindaco, intanto, ha rintracciato un altro appartamento, nel quale la famiglia è stata trasferita nel corso della serata.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I vigili devono sfrattare una famiglia. Ma esplode la protesta da parte dei parenti

LeccePrima è in caricamento