Tenta di soffocare la moglie, la figlia riprende la scena: inchiodato il marito

Gli agenti del commissariato di Taurisano sono intervenuti presso un'abitazione dopo la segnalazione di una violenta lite. In arresto è finito un 44enne che, in preda all'alcol, si è scagliato contro la coniuge

Il commissariato di Taurisano.

TAURISANO - Dal basso Salento emerge il racconto di una storia di violenza, ma anche di coraggio: quello della denuncia, e ancor più della raccolta di una prova essenziale per accusare un uomo violento di tentato omicidio, oltre che di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali. 

Il primo atto è una telefonata, partita nel pomeriggio di martedì: una accorata richiesta di aiuto motivata da una violenta lite tra coniugi, a Taurisano. Dal locale commissariato una volante è stata subito inviata sul posto. Agli agenti si sono fatte incontro, sconvolte, madre e figlia. La loro versione combacia con quello che i poliziotti iniziano a vedere già nell'ingresso: vasi e sedie rotte, tracce di sangue e, sul pavimento, un coltello da cucina e una mazza di legno. Prove di una violenza che il marito avrebbe esercitato, sotto l'effetto dell'alcol, a causa di incomprensioni maturate e moltiplicatesi nel corso del tempo. 

Il 44enne Antonio Ancora, accortosi della presenza degli agenti, ha provato a rimettere ordine e, nel contempo, ha cercato di motivare la violenta aggressione. Il sopralluogo compiuto ha consentito di accertare in tutta l'abitazione gli effetti di quell'ira: suppellettili e parti di mobili scaraventati al suolo, così come un televisore di grandi dimensioni. Quanto basta per avere le idee chiare rispetto all'accaduto, ma la "prova regina" è arrivata dalla figlia della coppia che, col proprio smarphone, aveva ripreso alcune fasi della lite: in particolare gli agenti hanno preso atto dei due tentativi dell'uomo di soffocare la moglie, prima con le mani, poi con la bretella di un vestito. La malcapitata ha trovato la forza, entrambe le volte, di sottrarsi alla presa. Dolorante per i colpi ricevuti, è stata prima medicata dal personale del 118 intervenuto, poi accompagnata al pronto soccorso di Casarano per accertamenti ulteriori. Il marito è stato portato nel carcere di Borgo San Nicola.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • “L’eredità”, il concorrente leccese batte il record di puntate da vincitore

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • Scampato a un agguato con Kalashnikov, accoltella un uomo per motivi di viabilità

  • Debito di droga si trasforma in incubo: lo minacciano davanti al nipote, tre in manette

Torna su
LeccePrima è in caricamento