menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tentata estorsione poi sfociata in un agguato, sei le richieste di condanna

Le pene invocate dall'accusa nel processo sulla tentata estorsione a un imprenditore e il tentato omicidio di Gianni Calignano

LECCE – Sono sei le richieste di condanna formulate nel processo sulla tentata estorsione a un imprenditore e sul tentato omicidio di Gianni Calignano. Il pubblico ministero ha chiesto 10 anni per Rocco Falsaperla, 44 anni; 30 per Angelo Caci, 48 anni (entrambi originari di Gela); 24 per Francesco Russo, 65 anni, di Nardò; 12 per il figlio Giampiero, 28 anni; 10 per Giuseppe Calignano, 28 anni di Nardò; e 4 per Evilys Pimentel Roque, 44enne di origini cubane residente a Villa Convento.

Caci, Falsaperla, i Russo e Calignano, tutti accusati di tentata estorsione, nelle giornate del 14 e 16 maggio 2016, avrebbero messo in atto un violento tentativo di estorsione ai danni di un commerciante di Nardò. La vittima avrebbe pagato a caro prezzo la presunta intromissione nella vicenda e il tentativo di “protezione” nei confronti dell’imprenditore. Francesco Russo, in concorso con Angelo Caci, in pieno centro e di giorno, avrebbe esploso un colpo di arma da fuoco colpendo la vittima al torace. I due sono accusati di tentato omicidio, mentre la donna di origine cubane è accusata di favoreggiamento.

L’inchiesta, assai complessa sotto il profilo investigativo, si è sviluppata in più momenti, attraverso una serie di ordinanze di custodia cautelare eseguite dai carabinieri del comando provinciale di Lecce che, tassello dopo tassello, hanno ricostruito un puzzle fatto di presunte estorsioni sfociate nel sangue. Gli imputati sono assistiti dagli avvocati Giuseppe Corleto, Luigi Corvaglia, Tommaso Valente, Francesca Conte e Davide Vitali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento