Cronaca

Tentata violenza dell'amico di famiglia? Procura indaga

E´ arrivata al pronto soccorso per un tentativo di violenza sessuale, accompagnata dalla madre, che però non ha voluto presentare denuncia. L'inchiesta è però partita d'ufficio. Il fatto ieri sera

DSC03209-2

LECCE - E´ arrivata al pronto soccorso per un tentativo di violenza sessuale da parte di un amico di famiglia. Ma, inspiegabilmente, la madre della presunta vittima, una ragazzina di appena 15 anni, non ha voluto presentare la denuncia. Ma l´inchiesta è partita lo stesso, d´ufficio.

La vicenda, che risale a ieri sera, è ancora poco chiara. Gli agenti della squadra mobile, nelle scorse ore, hanno depositato un´informativa in procura in merito ai primi accertamenti che sono stati svolti. Il riserbo è massimo, dalle fonti ufficiali non trapela alcuna informazione.

Si è appreso solo che la 15enne, nella tarda serata di ieri, è stata accompagnata dalla madre al pronto soccorso dell´ospedale "Vito Fazzi". La giovane ha poi confessato ai medici che un amico di famiglia, un uomo di mezza età, avrebbe cercato di violentarla. Un´aggressione che, seppur non sfociata in un rapporto completo, sarebbe stata accertata dai sanitari del nosocomio. Ed ecco che è stata allertata la polizia, che fino a tarda ora ha cercato di rintracciare l´uomo, per ricostruire meglio l´accaduto.


Quello che stupisce in tutta questa vicenda è che la madre della giovane si sia rifiutata di denunciare l´uomo. Come spiegare una scelta simile? E´ possibile che la ragazza si sia inventata tutto? Oppure si dovrebbe pensare che la donna abbia voluto coprire l´amico a scapito di sua figlia? La vicenda è ancora tutta da chiarire.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tentata violenza dell'amico di famiglia? Procura indaga

LeccePrima è in caricamento