Fruga in un’auto, poi cerca di aprire gli sportelli di quelle vicine: preso

Un 26enne identificato e poi denunciato dalla polizia, intorno all’una e mezzo. Ha rimediato soltanto pochi spiccioli da una vettura parcheggiata nei pressi della stazione ferroviaria. A Copertino, ladri tentato colpo nel campo fotovoltaico

Foto di archivio.

LECCE – Almeno due i furti tentati nelle ultime ore. Visto a frugare all’interno di un’auto, parcheggiata nei pressi della stazione ferroviaria di Lecce: identificato e fermato dalla polizia. Si tratta di un 26enne di nazionalità marocchina, con precedenti alle spalle per furti d’auto e spaccio di sostanza stupefacente. L’episodio nella notte, poco prima dell’una e mezzo, in viale Oronzo Quarta. Il giovane, peraltro a pochi metri di distanza dagli uffici della Divisione immigrazione della questura, stava rovistando all’interno dell’abitacolo di una vettura. Steso sul sedile del guidatore, cercava qualcosa da portare via: ha però rimediato soltanto pochi spiccioli, lasciati dal proprietario della vettura in un vano portaoggetti.  Arraffato il ridicolo bottino, il 26enne è poi montato in sella a una bici e si è allontanato.

Ignaro del fatto che alcuni cittadini stessero notando la scena, monitorandone gli spostamenti, ha continuato a forzare le maniglie di altre auto parcheggiate in zona, per poi allontanarsi definitivamente. Gli agenti della sezione volanti, nel frattempo allertati, si sono messi sulle tracce del giovane. Non è stato complesso, per i poliziotti, identificarlo nelle vicinanze: il giovane indossava infatti abiti tanto sgargianti da essere rintracciato a stretto giro. Concluse le ricerche, il ragazzo è stato condotto negli uffici di viale Otranto dove, al termine delle formalità di rito, è stato denunciato in stato di libertà per il reato di tentato furto.

Ladri in azione anche a Copertino, nelle ultime ore. Malviventi hanno infatti provato a mettere a segno un furto, ai danni di un impianto fotovoltaico. Poco prima della mezzanotte, infatti, il sistema di allarme collegato con la centrale operativa dell’istituto “La Velialpol” ha richiamato le guardie giurate. Dalle videocamere, queste ultime hanno scorto due individui: uno con una scala in spalla, pronto per passare in azione. Sono stati informati i carabinieri del posto. Ma i due, poco dopo, si sono allontanati, facendo perdere le proprie tracce. Fortunatamente, a mani vuote.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi frode col gasolio agricolo, undici arresti e 64 indagati

  • Anziana madre non ha sue notizie da giorni e chiede aiuto: 49enne trovato senza vita

  • Militari attendono cassiera a fine turno: addosso parte dell’incasso, sospetti ammanchi per 50mila euro

  • Rapine con auto rubate durante il lockdown: fermata la banda

  • Coronavirus “sensibile” ai fattori ambientali: studio di un fisico su temperatura ed escursioni termiche

  • Scavalca tre muri dopo il furto: fuga spericolata, ma braccato e arrestato

Torna su
LeccePrima è in caricamento