Cronaca

Tentato assalto in un supermercato, patteggiano la pena i due rapinatori

I fatti risalgono al 31 maggio scorso, i banditi fecero irruzione in un'attività commerciale a Cannole ma furono messi in fuga

LECCE – Hanno patteggiato una condanna a 3 anni e quattro mesi e 3 anni, Walter Calò, 36enne di Zollino e Andrea Costantini, 34enne di Martano, accusati della tentata rapina a un supermercato di Cannole avvenuta lo scorso 31 maggio. La sentenza è stata pronunciata dal gip Simona Panzera.

A far sfumare il colpo dei due rapinatori una serie di circostanze. Fatta irruzione, con i volti coperti da passamontagna, nel Despar di via XXIV Maggio, hanno dovuto fare i conti con la reazione delle persone presenti all’interno, dandosi a precipitosa fuga. Un carabiniere fuori servizio, però, ha notato la scena e, dopo aver avvisato i colleghi, ha seguito i due. Nel frattempo, altri militari hanno bloccato tutte le possibili vie di fuga, fermando così i due all’altezza di Serrano, lungo la strada provinciale Martano-Otranto. Durante la fuga i due hanno anche tentato di disfarsi delle armi, gettandole dall’auto in corsa, ma sono state recuperate dai militari.

Calò e Costantini, una volta bloccati, hanno subito ammesso le loro responsabilità. Condotti in caserma, a Bagnolo del Salento, sono stati dichiarati in arresto. L’autovettura usata, si è poi scoperto, era stata rubata quella stessa mattina a Martano. Le armi, invece, sono risultate una scacciacani senza tappo rosso e una calibro 9x21, quest’ultima funzionante, con matricola abrasa e caricatore inserito contenente cinque proiettili. Rispondevano di tentata rapina in concorso, furto aggravato, porto illegale di armi da sparo e detenzione di arma di clandestina.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tentato assalto in un supermercato, patteggiano la pena i due rapinatori

LeccePrima è in caricamento