Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca Leuca / Via Paolo Emilio Stasi, 6

La lite col cognato degenera in cinque coltellate. Ricoverato in gravi condizioni un 24enne

L'episodio nella notte, nell'abitazione del ragazzo ritenuto l'autore del gesto, a Cavallino. Un acceso diverbio tra il proprietario di casa e il fidanzato della sorella è degenerato in accoltellamento. La vittima sottoposta a un intervento chirurgico d'urgenza durato fino all'alba. Indagini nelle mani dei carabinieri: arrestato il responsabile

L'ospedale "Vito Fazzi" di Lecce

CAVALLINO – Cinque coltellate alla spalla, di cui una gli ha perforato il polmone sinistro. Poi la corsa in ospedale per un intervento chirurgico d’urgenza e diverse trasfusioni. E’ ricoverato in prognosi riservata, presso l’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, Silvio Rispoli, il 24enne residente a Lizzanello ferito dal fratello della fidanzata in un’abitazione di via Paolo VI, a Cavallino, una parallela della strada che congiunge al paese della vittima.

L’episodio intorno a mezzanotte, in casa dell’autore del gesto, un 23enne, operaio presso una ditta di trasporti, ora fermato dai carabinieri. Tutto è cominciato per un litigio tra i due giovani, scaturito nell’ambito di un contesto che non si conosce ancora ma che lascerebbe subodorare futili motivi. Dai primi riscontri,  l'alterco sarebbe nato a causa dell’atteggiamento irrispettoso che l'operaio da tempo riservava nei confronti della sorella, la sua fidanzata 17enne. Minacce e ingiurie tramite sms sul telefono della ragazza, poi il pretesto di avere immediatamente la restituzione di  un portachiavi nonostante la tarda ora.

Una lite. Un diverbio banale tra due ragazzi e poi il finimondo. Dalle parole si è passati ai fatti, e poi alla violenza. Cieca. Tanto che uno dei due, il proprietario dell'appartamento, avrebbe afferrato un coltello durante la colluttazione, e sferrato cinque fendenti alla vittima. Lo ha raggiunto all'altezza della spalla, procurandogli tagli profondi e lesioni gravi.

Sul posto, i sanitari del 118, fatti accorrere per prestare immediati soccorsi alla vittima. Quest’ultima è stata accompagnata in codice rosso presso la struttura sanitaria del capoluogo salentino, dove è stata sottoposta a una delicata operazione fino alle prime luci del giorno. Ora il ferito è tenuto sotto costante osservazione nel reparto di Chirurgia toracica, dove è ricoverato in prognosi riservata.

Sul posto, per i rilievi, e le immediate indagini, i carabinieri della stazione locale, guidata dal maresciallo Riccardo De Bellis, i colleghi della sezione scientifica, assieme i militari del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Lecce, coordinati dal tenente Rolando Russo. Il ragazzo ritenuto l’autore del ferimento è stato fermato immediatamente dagli uomini dell’Arma e poi tratto in arresto. Si tratta di Michele Santoro, che ora dovrà rispondere dell'accusa di tentato omicidio. Dal momento che il giovane è incensurato, nei suoi confronti sono stati disposti gli arresti domiciliari. Santoro resta a disposizione del pm di turno presso la Procura della Repubblica di Lecce, Emilio Arnesano.

Santoro ha subito ammesso, davanti agli inquirenti, il raptus. Tanto da aver collaborato nell'individuazione dell'arma: un coltello a serramanico di 6 centimetri, che ha poi gettato nel tombino fognario subito dopo l'aggressione. La lama e gli indumenti del ferito sono stato sequestrati nell’eventualità di ulteriori accertamenti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La lite col cognato degenera in cinque coltellate. Ricoverato in gravi condizioni un 24enne

LeccePrima è in caricamento