Tentato omicidio in un casolare, restano in carcere le tre persone arrestate

Il gip non ha convalidato l'arresto ma ha confermato la custodia cautelare. Bisognerà comunque eseguire degli esami balistici

Il luogo della sparatoria.

LECCE – Restano in carcere le tre persone arrestate per il tentato omicidio avvenuto martedì mattina in un casolare alla periferia di Copertino. Si tratta di Bruno Guida, 42enne di Leverano; Peppino Vadacca, 43enne di Carmiano e Matteo Niccoli, 22enne di Carmiano. Il gip Carlo Cazzella, al termine dell’udienza, non ha convalidato l’arresto (non ritenendo che vi fossero i presupposti per la flagranza di reato), ma ha confermato la custodia cautelare in carcere, ritenendo che vi siano, oltre alle esigenze cautelari, gravi indizi di colpevolezza per il reato, in concorso, di detenzione illegale e porto di arma da fuoco, lesioni personali e tentato omicidio. Per quest’ultima contestazione il giudice evidenzia che sono necessari ulteriori approfondimenti per stabilire la dinamica degli spari, e cioè se siano stati esplosi verso la vittima, che ha dichiarato di aver schivato i colpi. I tre indagati sono assistiti dagli avvocati Valeria Corrado, Pantaleo Cannoletta e Vito Quarta.

Secondo la ricostruzione scaturita dalle indagini condotte dai carabinieri della tenenza di Copertino, assieme ai colleghi de stazioni di Leverano e di Carmiano, che hanno portato in poche ore all’arresto dei tre (un quarto uomo è ricercato), il gruppo si è presentato nel casolare dove abita con la famiglia Paolo Panzanaro, 46enne con precedenti penali. La discussione sarebbe ben presto degenerata e sono stati esplosi due colpi di pistola, con una calibro 7,65. Il 46enne è stato poi colpito al volto col calcio della pistola, riportando lesioni con una prognosi di cinque giorni. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A incastrare i componenti della “spedizione punitiva” le immagini del sistema di video sorveglianza installato, le dichiarazioni dei famigliari e una serie di elementi raccolti dai militari dell’Arma. Secondo quanto ipotizzato dagli inquirenti l’episodio potrebbe essere legato al mercato delle sostanze stupefacenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripresa del virus in provincia di Lecce: 33 i positivi, tra questi bimbo di 4 mesi

  • Costringe il figliastro sordomuto a praticargli sesso orale: arrestato

  • Schianto frontale in moto contro un'auto: muore 54enne, grave una donna

  • Emergenza coronavirus, registrati altri tre casi di positività in provincia di Lecce

  • Coronavirus in Puglia: nove positivi, cinque nel Salento fra cui anziano di una Rsa

  • Sospetta violenza sessuale: 20enne con forti dolori denuncia stupro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento