Prima di tentare il suicidio invia sms alla figlia. Salvato in extremis 43enne

Una 12enne, nella mattina del Lunedì dell'Angelo, ha ricevuto le parole di addio da parte del padre, un uomo di Veglie, e ha mostrato il cellulare alla madre. L'intervento dei carabinieri e di un vicino di casa, ha scongiurato la tragedia, e l'uomo è stato tratto in salvo

Foto di repertorio

SALICE SALENTINO – E’ stata una  Pasquetta choc, per una ragazzina di appena 12 anni, che si è ritrovata sul proprio cellulare il messaggio del proprio padre, un 43enne domiciliato a Veglie, Tutto è accaduto nella mattinata del Lunedì dell’Angelo, a Salice Salentino, quando ha dovuto leggere quelle parole terribili.  “Addio per sempre” recitava il breve testo virtuale. E la figlia è corsa a chiedere aiuto alla madre, al momento in crisi con il marito.

Quest’ultima si è subito rivolta ai carabinieri del posto, i quali hanno allertato i colleghi di Veglie, poi sopraggiunti nei pressi dell’abitazione dell’uomo, un operaio al momento inoccupato. Grazie anche alla collaborazione di un vicino di casa del 43enne, i militari dell’Arma hanno fatto irruzione in casa, dove hanno trovato l’uomo. Appeso a una ringhiera, in un pozzo luce, stava quasi per soffocare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’intervento tempestivo delle forze dell’ordine, che hanno poi allertato anche i sanitari del 118 ha scongiurato le irrimediabili conseguenze, che avrebbero potuto trasformare in incubo la Pasquetta di una 12enne. Sottoposto a  un controllo da parte del personale medico, il 43enne non ha fortunatamente riportato conseguenze.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Giovane turista fa il bagno e sul fondale ritrova bacino in ceramica del XIV secolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento