Cronaca Leuca / Piazza Mazzini Giuseppe

Toglie i dispositivi antitaccheggio e tenta di fuggire con abiti dalla Coin

Ennesimo tentativo di furto sventato nei magazzini di piazza Mazzini. Una donna di 44 di Lecce denunciata a piede libero. Stava cercando di guadagnare l'uscita del negozio con abiti per un valore di quasi 200 euro. Ma l'occhio esercitato di una commessa ha permesso di svelare tutto

LECCE – Almeno altri quattro casi noti dall’inizio dell’anno. Con quello di oggi fanno cinque. E sommati a tutti gli altri avvenuti nel tempo, si finisce per perdere il conto.

I furti ai magazzini Coin di piazza Mazzini, a Lecce, sono ormai entrati a far parte dell’immaginario collettivo. Questa sera, l’ennesimo episodio, per il quale a mettersi nei guai è stata una donna leccese di 42 anni. Stava cercando di fuggire dal negozio con un paio di capi, usando la tecnica del “disordine organizzato”. Ovvero, ha iniziato a guardare fra scaffali e grucce, ha scelto diversi vestiti, è entrata in un camerino e n’è uscita gusto con un paio privi di dispositivo antitaccheggio.

L’occhio ben esercitato di una commessa (sono di solito proprio loro che si accorgono dei furti) deve aver però scorto movimenti sospetti. E così, fiutato l’inganno, la dipendente ha fatto irruzione nel camerino, subito dopo che n’è uscita la donna, scoprendo i due dispositivi staccati dagli abiti, vale a dire una camicia e un pantalone per un valore di 192 euro.

Che dietro via siano la crisi, un malsano spirito d’avventura o pura cleptomania, poco importa. La commessa non ha certo fatto in modo che la donna fuggisse. Chiamata la polizia, sul posto è intervenuta una volante. Gli agenti hanno ricostruito i fatti e il nome della donna è andato a rimpolpare il già corposo elenco di denunciati per furti nei magazzini del centro. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Toglie i dispositivi antitaccheggio e tenta di fuggire con abiti dalla Coin

LeccePrima è in caricamento