Topi d'appartamento a tutto spiano, furti anche per 8mila euro

Tre casi a Lecce, uno a Gallipoli, un altro a Calimera, fra consumati o solo tentati. E sono soltanto alcuni fra gli episodi scoperti. Agosto è il periodo caldo e maggiormente a rischio

Foto di repertorio.

LECCE – E’ l’incubo di ogni estate. Tornare a casa, dopo una giornata al mare (per chi può permetterselo), che sia in città per i pendolari della costa o presso una villetta estiva per chi trascorre un periodo di ferie continuato, e ritrovarla svaligiata.

I furti nelle abitazioni, si sa, aumentano proprio in questa stagione. Gli inviti ad assumere accorgimenti, dunque, non sono mai troppi. E nonostante ci si difenda sempre di più con vigilanze private, collegamenti diretti alle forze dell’ordine, e soprattutto tecnologie quali videocamere e sistemi d’allarme, accade puntualmente che più di qualcuno si ritrovi con le mani nei capelli, sconvolto per la violazione dei propri spazi, per le stanze messe sottosopra e per la sparizione di soldi e vari oggetti, di valore economico o, più spesso, affettivo.

LeccePrima ha svolto ancora una volta una piccola inchiesta per capire cosa sia accaduto in questa prima settimana di agosto. Soprattutto per mettere in guardia i cittadini. E scoprendo tre furti riusciti, un paio tentati, ma avendo anche il sentore che i casi siano decisamente molti di più. Casi che riguardano, in buona sostanza, quasi tutto il Salento, dalle città ai litorali.

Il più delle volte si tratta di effrazioni che comportano la sparizione di pochi spiccioli e qualche gioiello, ma non mancano i colpi di un certo calibro. Fra questi, spicca un episodio denunciato proprio ieri, in cui vittima è stata una famiglia di Andria in vacanza nel Salento. Il furto vero e proprio, a quanto pare, risalirebbe al giorno precedente, compiuto in un arco temporale piuttosto ampio, dalle 10,30 del mattino alle 16,30 del pomeriggio, fascia che coincide, evidentemente, con l’assenza totale di qualsiasi familiare in casa.

L’abitazione si trova in località Padula Bianca di Gallipoli, dove in passato si sono verificati anche furti seriali in abitazioni. Basti pensare che nel 2011 si scoprì come fra gli autori vi fosse un’insospettabile casalinga del nord Salento. Nel caso delle ultime ore, sul quale indagano i carabinieri, i ladri, dopo essere entrati nell’abitazione, hanno fatto sparire un po’ di tutto, dai documenti, ai soldi in contanti, fino a un paio di anelli da donna in oro bianco. Un danno da 8mila euro circa complessivo, peraltro non assicurato.

E’ stato probabilmente uno dei saccheggi più consistenti degli ultimi tempi, sebbene, come detto, non certo l’unico. Andando a ritroso di qualche giorno, per esempio, almeno tre casi si sono verificati in punti diversi di Lecce, giovedì scorso. Uno di mattina, in via Alfieri, dove però i ladri che avevano preso di mira la villetta di un medico sono stati messi in fuga per la presenza dei vicini, che si sono accorti di movimenti sospetti, chiamando la polizia, e altri due nel pomeriggio. In questi casi, purtroppo, consumati.

Uno è avvenuto in via Giulio Cesare Vanini, nel rione San Pio, l’altro in via Taranto. Essendo entrambi accaduti in un orario compreso fra le 17 e le 21, e per giunta in luoghi non molto distanti fra loro, si può ben sospettare che ad agire sia stata un’unica banda. Nel primo caso, sono spariti all’incirca 200 euro. I furfanti sono entrati da una porta finestra che affaccia nel cortile, che ha riportato qualche lieve danno d’effrazione. La porta ha subito lievi danni.

Nel secondo episodio, di via Taranto, dopo aver forzato un ingresso, gli ignoti hanno sottratto alcuni oggetti d’oro, ma non di valore molto elevato. In tutte e due le vicende, però, è stato forte lo choc emotivo dei proprietari nel rientrare e trovare tutto a soqquadro. I ladri, infatti, hanno aperto armadi e cassetti, lanciando tutto per aria. Spesso si cercano cassette di preziosi o casseforti nascoste che, magari, nemmeno esistono.

Sono quei furti in cui non c’è un obiettivo preciso, non vi sono persone studiate per giorni nei loro movimenti, ma i ladri vanno a tentoni, sperando solo di non essere avvistati. Anche in questo caso, le indagini sono affidate alla polizia. Sul posto sono intervenute pattuglie delle volanti.

Andando ancora indietro di qualche giorno, fino al primo giorno del mese, un altro caso è avvenuto a Calimera, nella zona della circonvallazione, dove i ladri hanno preso di mira la villetta di un noto medico del posto. E’ successo peraltro a tarda ora, poco dopo le 22. I ladri hanno forzato rudemente una porta sul lato posteriore dell'abitazione e sono riusciti a entrare all'interno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si erano già messi all’opera, frugando per procurarsi il bottino, quando è arrivata una pattuglia di vigilanza dell’Alma Roma. L'allarme si era messo in funzione. Colti praticamente sul fatto, i malviventi sono stati costretti a battere in ritirata, scavalcando in tutta fretta la recinzione sul fronte posteriore e fuggendo nelle campagne della periferia calimerese. Alla fortuna del furto non riuscito, però, come sempre si sono associati sentimenti di paura e rabbia per atti che violano l'intimità. E pensare che quelli appena citati sono soltanto alcuni fra gli episodi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica alba, podista viene travolto da un furgone: morto sul colpo

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • “Vai a casa mia e sposta tutto”. Ma vedono il messaggio e trovano la droga

  • Palpeggia ragazza, inseguito dal padre perde il cellulare. E viene identificato

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento