Torna a casa dopo la degenza e scopre il furto da 22mila euro

Vittima un'anziana vedova che è tornata a casa, dopo un lungo periodo in ospedale, dal 12 agosto fino a ieri. I soldi erano custoditi all'interno di un armadio, nella stanza da letto. Spariti anche alcuni gioielli di scarso valore

Foto di repertorio.

 

CURSI – Una delle peggiori sorprese nelle quali ci si può imbattere nella vita è di rientrare in casa, magari dopo le agognate vacanze, e ritrovare porte e finestre spalancate ai quattro venti, con armadi, cassetti  e magari la cassaforte, per chi ce l’ha, alleggeriti di soldi e gioielli. Spesso, al valore economico si aggiunge quello affettivo di alcuni oggetti, e allora il danno percepito è superiore. Senza considerare l’inquietudine e il senso di frustrazione che si provano nel pensare agli ambienti di casa invasi da balordi senza nome e senza volto.

Immaginarsi, allora, quanto possa essere stata grande l’amarezza che ha provato un’anziana vedova di Cursi, di 74 anni, che le vacanze non le ha neanche trascorse, visto che è stata ricoverata per un lungo periodo presso l’ospedale civile di Scorrano, e che, al rientro, dopo la degenza, ha ritrovato il suo piccolo appartamento al pian terreno, nel centro del paese, svuotato dai suoi principali valori: alcuni monili, per un valore piuttosto basso, non superiore ai 200 euro, ma, soprattutto, tutti i soldi messi da parte in una vita, un gruzzolo di 22mila euro che non ha mai depositato in banca o alla posta, ma che ha custodito gelosamente fra gli ambienti domestici.       

I ladri, di questo periodo, si sa, stanno facendo razzie nelle abitazioni, e solo nei giorni scorsi, a Lecce, due appartamenti di piazza dei Partigiani sono stati “visitati” dai soliti ignoti, che hanno raggranellato un bottino di circa 100mila euro. Ma la storia dell’anziana, vedova e sola, di Cursi, è particolare, proprio per l’antefatto. Il ricovero è durato dal 12 agosto a ieri, quasi due mesi lontano dalla propria abitazione, e nessun parente in zona per andare a vedere se fosse tutto in ordine. Davvero la vittima perfetta, per malintenzionati che fossero in qualche modo a conoscenza della situazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E così, l’anziana, tornando finalmente a casa, ha fatto la brutta scoperta. Ai carabinieri della compagnia di Maglie, presso i quali s’è recata a sporgere denuncia, ha spiegato di aver ritrovato aperta la porta-finestra secondaria, che si affaccia su un giardino, e di aver scoperto le camere a soqquadro. Soprattutto, ha spiegato di non aver più ritrovato quei 22mila euro che aveva nascosto nell’armadio della stanza da letto. Ma pensare che il caso possa essere risolto, è davvero difficile. Il furto potrebbe essere avvenuto in un giorno qualsiasi di tutto il periodo che lei ha trascorso in ospedale, ed è probabile che non ci siano testimoni fra il vicinato.    

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale in moto contro un'auto: muore 54enne, grave una donna

  • Trascina la figlia per l'orecchio, i clienti del bar si ribellano e finisce a botte

  • Coronavirus in Puglia: nove positivi, cinque nel Salento fra cui anziano di una Rsa

  • Sospetta violenza sessuale: 20enne con forti dolori denuncia stupro

  • Infezione da Covid-19: sono 56 i casi positivi nel Salento, 6 a Lecce

  • Nessuno stupro a Gallipoli: falso allarme, i due appartati prima del collasso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento