rotate-mobile
Cronaca

Tornano le pulci dentro il Tribunale, entro sabato la disinfestazione

L'ultimo avvistamento di parassiti negli archivi sotterranei dell'immobile di viale de Pietro. Il sindacato Confsal-Unsa denuncia ritardi negli interventi

LECCE - Il copione è lo stesso: ogni estate i parassiti invadono il Tribunale di viale de Pietro. E questa non è stata certo la stagione della svolta. La soluzione più volte sollecitata all'amministrazione comunale dal sindacato Confsal-Unsa è di eseguire una disinfestazione preventiva per evitare il problema. E, invece, ogni anno, prima di intervenire si attende che i “piccoli visitatori” diano il tormento ad inquilini e ospiti del Palazzo di giustizia. L'ultima apparizione risale a un mese fa nella cancelleria del pubblico ministero Donatina Buffelli. Stavolta le pulci sono state avvistate (e non è certo la prima volta) da alcuni dipendenti negli archivi penali sotterranei del Tribunale. Dopo l'allarme lanciato dal sindacato, già da oggi si procederà alla pulizia degli spazi, mentre entro sabato dovrebbe essere attuata la disinfestazione.

“La tempestività d'intervento è certo positiva - ha dichiarato il segretario regionale del Confsal-Unsa Giovanni Rizzo - ma serve un piano coordinato e programmato di prevenzione, radicale pulizia e disinfestazione che superi la logica, fin qui seguita, dell'intervento mirato, contingente, circoscritto e spesso intempestivo perché in ritardo. Avere impianti di archiviazione anche tecnologicamente avanzati non combatte certamente l'infestazione del materiale cartaceo, che si ripresenta con puntualità e frequenza”.

Nel giugno di due anni fa, le pulci fecero almeno tre vittime in tribunale: due impiegati e l’assessore all’Ambiente e all’Igiene Andrea Guido, aggredito ai polpacci durante il sopralluogo nel garage di viale de Pietro disposto proprio per verificare la presenza di parassiti nel Palazzo. Un mese dopo, i pidocchi invasero la stanza al quinto del giudice Carlo Cazzella.

Secondo Rizzo, il problema va risolto alla radice con accorgimenti di facile attuazione, come quello di allestire i locali d'archivio di finestre e di un sistema di areazione. s“Dotare di reti con corrente elettrica a basso voltaggio i compressori dei climatizzatori sulle finestre che danno asilo ai piccioni eviterebbe che essi nidifichino”, ha concluso il segretario.

Il segretario generale del Confsal-Unsa Massimo Battaglia ha aggiunto: “Chiediamo la convocazione della contrattazione integrativa decentrata sulle misure riguardanti la sicurezza e l'igiene dell'ambiente di lavoro. E' un nostro diritto/dovere assicurare che i lavoratori siano tutelati e resi partecipi di queste procedure, oggetto anche di informazione preventiva e successiva che, però, raramente viene fornita al sindacato”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tornano le pulci dentro il Tribunale, entro sabato la disinfestazione

LeccePrima è in caricamento